Archivi tag: food

Risotto radicchio e guanciale

Che preparo di buono oggi? Un bel risotto al radicchio e guanciale. Dal momento che il risotto al radicchio è un classico della tradizione culinaria veneta, io l’ho pugliesizzato e personalizzato aggiungendo il guanciale. Il risultato è stato eccezionale! Il sapore del guanciale, ben salato ed aromatizzato, e il gusto un  po’ amarognolo del radicchio hanno trovato il giusto connubio, facendo diventare un risotto un super risotto. Facile e veloce da fare.

Ingredienti per 2 persone

180 gr. di riso (io ho usato quello Gallo per risotti), 2 fette di guanciale (circa 100 gr) spesse mezzo cm, un quarto di cipolla bianca media, mezzo radicchio, mezzo bicchiere di vino bianco, sale e pepe q.b., un litro di brodo vegetale, una manciata di parmigiano.

Preparazione:

Tagliate il guanciale a pezzettini, mettetelo in una salta pasta e fatelo cuocere a fuoco basso; quando il grasso del guanciale si sarà sciolto e i pezzettini saranno croccanti, toglieteli dalla padella e riponeteli su un foglio di carta assorbente; aggiungete la cipolla, che avrete tritato finemente e fatela appassire; aggiungete il radicchio che avrete tagliato a listarelle e lavato bene, il vino bianco e fate cuocere per circa 5 minuti, a fuoco vivace, avendo l’accortezza di rimestarlo di tanto in tanto e di aggiungere un po’ di brodo vegetale, per evitare che si secchi troppo; a questo punto aggiungete il brodo poco alla volta e portate il risotto a cottura; quando il risotto sarà quasi cotto aggiungete i pezzettini di guanciale croccante (io ne ho lasciato qualcuno per guarnire il piatto alla fine) e una bella spolverata di parmigiano e amalgamate il tutto; aggiustatelo con il sale e il pepe desiderato; se vi sembra troppo compatto aggiungete un mestolo di brodo e mescolate (il risotto, se lo spadellate, deve ondeggiare).

Impiattate aggiungendo i pezzettini di guanciale che avrete messo da parte.

Il piatto è pronto! Buon appetito!

43652048_10217024686918784_4669010530315272192_n

 

 

Annunci

Coda alla vaccinara

Oggi vi propongo la coda alla vaccinara! Lo so non è un piatto salentino, ma a me piace tantissimo. Non vi nascondo che ho avuto delle perplessità nell’accostarmi a questo piatto, ma da quando l’ho provato, l’ho inserito nei primi posti dei miei preferiti. La coda alla vaccinara è uno piatto tipico della cucina romana che non potete fare a meno di provare quando siete nella Capitale, ma che vi consiglio di preparare anche a casa, vista la sua semplicità e la sua bontà.
Si usa la coda di bue o di vitello (la differenza sta nel fatto che la prima è più grossa e richiederà una maggiore cottura), che si fa cuocere per lungo tempo con ortaggi e spezie dando vita ad un sugo meraviglioso con il quale i Romani generalmente condiscono i rigatoni; con il minimo sforzo avrete un primo ed un secondo da leccarsi i baffi.
Provate a prepararla …è troppo buona.

Ingredienti

1 kg coda di bue o di vitello; 100 g di guanciale; 3 cucchiai di olio d’oliva evo; 1 cipolla; 1-2 carote (secondo le dimensioni); 3-4 coste di sedano; 1 spicchio d’aglio; un ciuffo di prezzemolo; 3 chiodi di garofano; 1 bicchiere di vino bianco; 750 ml di passata di pomodori; un cucchiaio di pinoli; un cucchiaio di uvetta; mezzo cucchiaio di cacao amaro in polvere; sale fino q.b.; peperoncino piccante secondo gusto.

Preparazione

Tagliate la coda con un grosso coltello da cucina, seguendo le giunture della stessa e cercando di non spezzare l’osso (vi consiglio di farvela tagliare dal vostro macellaio di fiducia), lavatela bene sotto l’acqua corrente e lasciatela scolare

27657432_10215163540631290_7766461364389820625_n

Tagliate a tocchetti il guanciale

27332376_10215082869574564_2277200933291565876_n

e tritate la cipolla, la carota, il sedano e il prezzemolo. In una pentola capiente mettete l’olio, lo spicchio d’aglio e il guanciale;

27654725_10215163541471311_7957959803011265314_n

quando sarà rosolato, togliete l’aglio e aggiungete il trito di verdure, una manciata di prezzemolo tritato e fate cuocere per qualche minuto; unite la coda, chiodi di garofano e lasciate cuocere a fuoco basso per una decina di minuti; aggiungete il vino bianco, il peperoncino e salate il tutto; lasciate cuocere il tutto a fuoco medio per circa 20 minuti;

27973872_10215163542071326_5546431611103067391_n

aggiungete la passata di pomodori, mescolate e fate cuocere a fuoco basso, per un minimo di 2-3 (dipende dal tipo di coda), rimestando di tanto in tanto e facendo attenzione che il sugo non si asciughi molto; in tal caso aggiungete un po’ di acqua calda; la coda sarà pronta quando vi accorgete ce si stacca dall’osso facilmente.

27657751_10215163542271331_5466019991868489467_n

Poco prima di spegnere, aggiungete i pinoli, l’uvetta che avrete fatto ravvivare tenendola in po’ d’acqua per una mezz’ora, le coste di sedano che avrete privato dei filamenti, sbollentate e tagliate a pezzettini grossolani e il cacao; mescolate il tutto e lasciate cuocere per una decina di munti.

La coda è pronta; servitela in un piatto piano o fondo con una leggera spolverata di cacao amaro.

27658012_10215163543111352_6100583899657790476_n

Se volete fare i rigatoni: fate cuocere i la pasta in abbondante acqua salata, scolatela e fatela saltare in una padella con il sugo della coda; una bella spolverata di pecorino e il piatto è pronto

27750445_10215163542951348_6644764120509308879_n

Buon appetito e se avete dubbi scrivetemi!

 

Trippa alla romana

La trippa alla romana è uno dei miei piatti preferiti. Una ricetta semplice, ma gustosissima. Rispetto alla ricetta tradizionale ho apportato una piccola variazione; infatti, ho sostituito il tradizionale pepe nero in grani con il peperoncino salentino; il gusto, in questo modo risulterà più intenso, ma sempre buonissimo. 

Ingredienti per 2 persone

500 gr di  trippa di bovino; 50 gr di guanciale; una manciata di pecorino; due gambi di sedano; 2 o 3 carote; mezza cipolla bianca (se di dimensione media-grossa); olio evo; 700 ml di Passata di pomodoro; un mezzo bicchiere di vino bianco; 2-3 rametti di menta; uno spicchio d’aglio; un peperoncino; sale fino q.b.

Preparazione

Riponete la trippa già pulita in una scolapasta, sciacquatela per bene sotto acqua calda corrente e lasciatela scolare 27540347_10215082868534538_1437762208876765163_npreparate il trito con carote sedano e cipolla e mettetelo in una pentola con olio e uno spicchi d’aglio

27332194_10215082868294532_1827468154429353775_n

fate cuocere per una decina di minuti e aggiungente il guanciale che avrete tagliato a pezzettini

27332376_10215082869574564_2277200933291565876_n

fate cuocere per altri 10 minuti, togliete lo spicchio d’aglio ed aggiungete la trippa, il peperoncino e il sale; versate il mezzo bicchiere di vino bianco e fatelo sfumare a fuoco vivace per 5/7 minuti

27655491_10215082869014550_8556536226834309419_n

quando il vino sarà evaporato aggiungete la passata di pomodoro e fate cuocere il tutto per un ora; aggiungete le foglioline di menta e fate cuocere per un’altra ora (fate attenzione durante la cottura che il liquido di cottura non si asciughi troppo, in tal caso aggiungete un po di acqua calda).

Dopo circa due ore la trippa dovrebbe essere cotta e morbida, ma assaggiatela e, in caso contrario proseguite la cottura per il tempo che riterrete necessario. Aggiungete in fine una bella manciata di pecorino e mantecate il tutto.

Servite la trippa in un piatto fondo aggiungendo dei crostini di pane casereccio e decorate con qualche fogliolina di menta fresca.

Il Piatto è pronto27540183_10215082870534588_5782331219758110888_n

Buon appetito.

Se avete dubbi o perplessità scrivetemi!

 

Porchetta romana fatta in casa

E’ vero, la porchetta romana, come si evince dal nome, non è un piatto tipico della mia zona (per chi lo avesse dimenticato, sono salentino), ma della zona di Roma, dei Castelli Romani, dell’Italia Centrale in generale…in particolare  è famosa quella di Ariccia. Siccome da noi non si usa molto ed io ne vado pazzo, per non mangiare la porchetta a lunga conservazione che spesso si trova ai camioncini dei paninari, ho deciso di provare a farla… Vi assicuro che non è difficile ed il risultato è spettacolare.

Ingredienti:

un bel pezzo di pancetta con la cotenna , un filetto di maiale, sale, pepe, rosmarino, salvia, timo, finocchietto selvatico, vino bianco.

Preparazione:

su di un piano stendete la pancetta come se fosse un foglio, cospargetela di sale grosso, pepe bianco o nero, salvia, rosmarino, timo e finochietto selvatico fresco (io ho fatto un battuto di tutto con il coltello) e massaggiatela; aggiungete al centro il filetto di maiale, che dovrà avere la lunghezza della pancetta e arrotolate; legate il tutto con uno spago da cucina ben stretto.17264841_10212120488516889_4519853280852883699_n

Riponete la porchetta in un tegame, che riempirete fino a metà con acqua, un bicchiere divino bianco e dei rametti di rosmarino; fate cuocere per circa tre ore a 200° in forno statico (la porchetta pesava circa 3 kg e, in genere, si fa cuocere un’ora per ogni kg), avendo l’accortezza di girarla ogni tanto e di irrorala con il liquido di cottura.

Questo è il risultato17203080_10212120488596891_355138592788418163_n

Tagliatela a fette sottili con un coltellaccio ed accompagnatela con carciofi e funghi sott’olio e peperoni arrostiti … una vera delizia

17156016_10212120488876898_1434112648518125253_n.jpg

Buon Appetito… se avete dubbi sul procedimento scrivetemi.