Archivi tag: Berlusconi

Parte la rivoluzione di Renzi

“Parte la rivoluzione”, “la rivoluzione non si fermerà” sono queste le parole del nuovo Che Renzi. Non c’è dubbio che sa comunicare; il fatto che in una stessa frase per due volte usa la parola “rivoluzione” la dice lunga sulle sue capacita di affabulare.

Il desiderio di rivoluzionare il Paese è comune in molti Italiani, allora lui che fa? Te la fa sognare, te la fa odorare, te la fa bramare, ma poi? Cambia idea! Ti farà sognare qualcos’altro e così va avanti per un altro po’.

Vi ricordate quando diceva: “la legge elettorale la si fa in una settimana” grazie all’accordo con Berlusconi? E’ passato un mese e della legge elettorale non vi è l’ombra, ottenendo l’unico risultato di avere legittimato un condannato ad assurgersi a ruolo di statista!

Ed ora? Rivoluzione, Rivoluzione, Rivoluzione,! Accellerazione, Accellerazione, Accellerazione!Ma proprio ieri il Presidente Napolitano chiede più tempo e Alfano gli dice di con correre troppo se non vuole rischiare di rimanere con un pugno di mosce in mano.

Intanto, la millantata apertura di credito ad un governo Renzi, da parte di una frangia di M5s e di Sel si è dimostrata una bufala, gettata nell’etere, per rafforzare la motivazione dell’ingiustificata spallata a Letta.

Insomma, come diceva la canzone, parole, parole, parole! I fatti li stiamo ancora aspettando! La rivoluzione, credo, che sia destinata a rimanere nei sogni utopici di molti di noi!

Annunci

Il PD e il fattore B

…è la solita storia: quando Berlusconi si trova in grosse difficoltà, spunta la mano salvifica di qualche democratico di buona volontà che lo aiuta a rialzarsi. Bisogna aiutare chi si trova in difficoltà, chi è costretto ad affrontare gravi problemi…è questo che si sarà detto il Segretario del PD decidendo di portarselo a casa (Renzi e Berlusconi si incontreranno oggi nella sede del PD).

Mi convinco sempre di più che il fattore B è nel DNA del PD.  Si è pronti a dirne di tutti i colori, ma quando lo si vede in difficoltà scatta una sorta di pietas che fa si che lo si aiuti a rialzarsi. Non c’è altra spiegazione… non si può spiegare in diverso modo la decisione di dare nuovamente la legittimazione politica a chi quella legittimazione l’aveva persa per motivi del tutto personali.

Ed ora che succederà? Si sposta nuovamente il dibattito su Berlusconi si e Berlusconi no, dimenticandosi di tutti i problemi che gli Italiani sono costretti ad affrontare? Si minaccia la crisi di Governo? Il PD si spacca in due (nella migliore delle ipotesi)? Sarà inevitabile la paralisi politica e di governo. E’ la solita storia che va avanti da vent’anni e che sta distruggendo il nostro Paese e la nostra società.