Archivio mensile:febbraio 2014

La disoccupazione tocca il livello più alto degli ultimi trent’anni

Oggi, con la nomina dei viceministri e sottosegretari (con grande piacere ho appreso che l’On. Teresa Bellanova – Parlamentare Leccese del PD – è stata nominata Sottosegretario al Ministero del Lavoro),  si può ritenere conclusa la fase, diciamo così, formativa del Governo Renzi. Ora, però, bisogna passare dalle parole ai fatti. Adesso viene il bello.

A parole tutti sono bravi, ma ormai siamo nelle condizioni che non possiamo più permetterci di ascoltare vane promesse, sono indispensabili i fatti. Renzi è chiamato a dimostrare di essere capace di fare tutto ciò che ha sbandierato in questi giorni, pena, non solo il suo declino politico e del partito che rappresenta (che poi è anche il mio), ma soprattutto del Nostro Paese.

I dati diffusi dall’ISTAT sulla disoccupazione, come direbbe un noto allenatore di calcio, sono AGGHIACCIANTI. A gennaio il tasso di disoccupazione è balzato al 12,9%, in rialzo di 0,2 punti percentuali su dicembre e di 1,1 su base annua. In Europa, invece, il dato resta fermo al 12%. I disoccupati italiani, secondo i dati provvisori diffusi dall’Istat, sfiorano i 3,3 milioni. Il tasso registrato in Italia a gennaio manda in soffitta la piccola inversione di tendenza di dicembre, dove si scontava più che una ripresa degli occupati l’aumento degli inattivi; è il livello più alto sia dall’inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia delle trimestrali, primo trimestre 1977. Alla faccia di chi diceva che nel 2014 ci sarebbe stata la ripresa.

NON C’E’ TEMPO DA PERDERE

 

Annunci

Sono in pochi a sapere che gli avvocati salentini sono in agitazione.

Sono in pochi a sapere che gli avvocati salentini sono in agitazione.

Infatti, in data 18 febbraio 2014 l’Assemblea straordinaria degli iscritti all’Ordine degli Avvocati di Lecce ha deliberato:
1) Astensione ad oltranza e senza preavviso, da tutte le udienze civili, penali, amministrative e tributarie in conformità e con i limiti di cui agli artt. 4, 5 e 6 del Codice di Autoregolamentazione degli Avvocati;
2) Invito a tutti gli iscritti alla cancellazione dagli elenchi dei Difensori di Ufficio e patrocinio a spese dello Stato;
3) Invito a GOT e VPO alle dimissioni dall’ufficio;
4) Invito a tutte le Rappresentanze istituzionali ad ogni livello alle dimissioni dalle cariche;
5) Invito a non corrispondere il contributo unificato per l’iscrizione a ruolo delle cause, fino a quando non perverrà l’avviso bonario da parte della Cancelleria;
6) Invito al Consiglio dell’Ordine ad organizzare una manifestazione degli Avvocati in toga che sfilino fino alla Prefettura, con preventiva richiesta di incontro con il Prefetto nella sua qualità di rappresentante del Governo.
Continua a leggere Sono in pochi a sapere che gli avvocati salentini sono in agitazione.

Assegni di cura 2014 – Sostegno ai disabili

Spesso, i miei articoli riguardanti la politica locale (comunale, provinciale e regionale) tendo ad incentrarli su ciò che non mi piace, su ciò che non va, su ciò che non si fa e che, secondo me, andrebbe fatto; per tal motivo, spesso, non lesino critiche, ma sempre in nome di ciò che ritengo giusto. A volte sbaglio, altre volte no, ma non rinuncio ad esprimere il mio giudizio, sottoponendolo al vostro.

Con questo articolo, invece, voglio sottolineare quello che la politica locale (in questo caso la Regione Puglia) produce di buono e che spesso passa inosservato, sperando di fare cosa gradita a chi è costretto a convivere con i problemi legati alle disabilità in famiglia.

La Regione Puglia, Assessorato al welfare, infatti, ha fatto ripartire, dal 24 febbraio 2014, la procedura per la concessione degli Assegni di Cura per gravissimi non autosufficienti. Ci sono nuove modalità di presentazione delle domande;  i criteri di accesso al beneficio sono più vincolanti; la procedura di concessione dell’Assegno di Cura è stata semplificata.

La grande novità del nuovo assegno di cura è che si tratta di uno strumento unico che sostituisce e comprende sia il vecchio assegno di cura per le persone non autosufficienti, sia l’Assistenza indiretta personalizzata. Inoltre le modalità di gestione della suddetta misura dovrebbero ridurre al minimo i tempi di concessione dell’Assegno.

Le domande possono essere presentate, entro il 30 Aprile, esclusivamente on line, pena l’esclusione. Cliccando sul link che segue
http://www.sistema.puglia.it/portal/page/portal/SolidarietaSociale, troverete tutte le ulteriori informazioni per l’accesso e la compilazione della domanda.

 

Direzione regionale PD – I nomi dei Leccesi che ne faranno parte

Come vi ho detto ieri, si è svolta l’assemblea regionale del PD Puglia, alla quale io non ho partecipato per i motivi che ho esposto nell’articolo “perché non vado all’assemblea regionale del PD”. Qualcuno che ci è andato (in realtà non in molti) mi ha detto:  “hai fatto bene ti sei risparmiato 300 Km”, insomma mi ha confermato che era perfettamente inutile andarci.
Non potete immaginare quanto questa cosa mi rattristi, avrei sperato di sentirmi dire, “peccato che non sei venuto, è stata un assemblea esaltante”,  e, invece, no! Si è fatto quello che si doveva: dare la legittimazione “democratica” ad una lista di nomi, già concordati, che rappresenterà la Direzione del Partito Democratico Pugliese.
Continua a leggere Direzione regionale PD – I nomi dei Leccesi che ne faranno parte

Fave nette e zanguni – Purea di fave secche e tarassachi

Le fave nette, sono un piatto della tradizione contadina salentina…l’abbinamento tra le fave secche e i tarassachi è eccezionale…una vera delizia per il palato!

Ingredienti: 500 gr fave bianche secche, 1 kg di tarassachi, olio d’oliva.

Preparazione: mettere a bagno le fave secche un giorno prima; sbucciarle e mettere a cuocere in un pentola coprendole con acqua e aggiungendo il sale desiderato; farle cuocere lentamente mescolandole di tanto in tanto fino a creare una purea (volendo si può usare un frullatore ad immersione); nel frattempo, mondare i tarassachi, lavarelli accuratamente e farli cuocere in abbondante acqua salata. 

Impiattare la purea di fave, ponendo sopra i tarassachi e condendo con abbondante olio d’oliva.

1959760_10203061331403623_1255688949_n

 

Buon appetito!

Perché non vado all’assemblea regionale del PD

Oggi 24 febbraio, ore 15.30 è stata convocata l’Assemblea Regionale del PD, con il seguente ordine del giorno: elezione della direzione regionale e dibattito.
Sta volta non ci casco, non mi faccio 300 Km, per alzare un cartoncino!
Per chi non lo sapesse, sono componente dell’assemblea regionale del Pd e, pertanto, dovrei partecipare all’assemblea, all’elezione della direzione ed, eventualmente, partecipare ad un dibattito, ma ho deciso di non andarci!
Continua a leggere Perché non vado all’assemblea regionale del PD

Carciofi pari pari

Adoro i carciofi pari pari ( è un modo di dire per indicare che si mette tutto insieme), ma mi piacciono in tutti i modi…quello che vi propongo è semplicissimo e le rende gustosissimi! 

Ingredienti10/15 carciofi, sale, cipolla, prezzemolo, vino bianco e olio d’oliva.

Preparazionepulire i carciofi togliendo le foglie dure e conservando il cuore; lavarli accuratamente e tagliarli a metà o a 4 ( in base alle dimensioni); in una pentola mettere un po’ d’olio, una mezza cipolla tagliata sottilissima e farla dorare; aggiungere i cuori di carciofi e il prezzemolo, insieme ad un bicchiere di vino bianco e un bicchiere di acqua (vanno coperti a metà); salare nel modo desiderato e far cuocere i carciofi, circa 30 minuti!

Il piatto è pronto

carciofi

Pasta con le rape

La pasta con le rape è un piatto povero della tradizione leccese da fare preferibilmente usando la pasta fatta in casa Lecce (i maccheroni e le orecchiette) da provare!

Ingredienti per 4 persone: 400 gr di maccheroni ed orecchiette fatte in casa,  1,5 kg di cime di rape, aglio, vino bianco, peperoncino, 3/4 filetti di acciughe, olive nere, formaggio grattugiato.

Preparazionepulite le cime di rape (i vi consiglio di prendere quelle che hanno al centro la fioritura), e fatele cuocere in abbondante acqua salata; nel frattempo, in una salta pasta mettete l’olio e l’aglio, peperoncino e le acciughe e cuocere finché le acciughe non si sono sbriciolate; aggiungete le rape precedentemente cotte, le olive nere, mezzo bicchiere di vino bianco e fate saltare il tutto per una decina di minuti; fate cuocere la pasta nell’acqua di cottura delle rape, scolatela e versatela nella salta pasta con un po d’acqua di cottura e amalgamate il tutto; aggiungete un paio di cucchiai di formaggio grattugiato ( parmigiano). Volendo si può aggiungere una spolverata di pane grattugiato fritto! 😉

Il piatto è pronto

pasta con le rape

Insintesi feat. Alessia Tondo – Pizzica di Aradeo

Convinto che è necessario promuovere, la musica, l’arte e la cultura della mia terra (il Salento), oltre alla cucina, Vi presento INSINTESI (Francesco Andriani de Vito e Alessandro Lorusso), musica salentina in versione dub…e provo a fare un abbinamento con la mia cucina, precisamente con la focaccia con rape e salsiccia…spero che vi piaccia
Continua a leggere Insintesi feat. Alessia Tondo – Pizzica di Aradeo