Archivio mensile:dicembre 2016

Va convocata l’Assemblea provinciale del PD

… vi sembrerà strano, ma ieri sera ho ascoltato che cosa avevano da dire i promotori dei comitati per il No, che si ritrovavano all’hotel Tiziano per un’analisi del voto referendario e discutere del dopo…

…che c’è di strano? Lo strano è che l’iniziativa era sostanzialmente organizzata dal gruppo dirigente del partito democratico provinciale… quel gruppo dal quale notoriamente ho preso le distanze più di una volta non condividendone il percorso politico … ma ero stato invitato e ci sono andato…

…lo dico con la franchezza che mi contraddistingue: non ciò visto nulla di nuovo… il solito tentativo di strutturarsi in un’associazione/corrente, di quelli che, nel corso de miei anni di militanza pd, ne ho già visti nascere e morire alla velocità della luce… solo l’intervento di Pippi Nocera, ex sindaco di Sannicola, mi ha fornito qualche spunto di riflessione insieme a quello di Raffaele Cesari di Maglie… ma è durato giusto il tempo che salisse sul pulpito il Segretario Provinciale del pd…

…la sua relazione (non entrerò nel merito) è stata quella che un segretario di partito normalmente fa all’interno dei cosiddetti organismi di partito (assemblea e direzione) … ha fatto l’analisi del voto referendario e ha prospettato il percorso che il pd provinciale a suo modo di vedere deve fare… ripeto, non entrò nel merito… la cosa assurda, per me, è che il segretario provinciale del pd quella relazione l’avrebbe dovuta nelle cosiddette sedi di partito, negli organismi nati per la discussione… ora mi chiedo come si può voler costruire un partito che funzioni ( e questo è stato il tema della serata) se si parla fuori di esso… se non ci si pone questo problema non potrà nascere mai nulla di nuovo… la situazione è difficile… grandi adunate a Lecce … grandi adunate a Maglie… ma il risultato è sempre uguale… un partito in stallo, vittima di se stesso, sordo alle richieste di cambiamento, che arrivano dall’esterno! 

Salvatore Piconese … per quel che può valere un mio suggerimento (nulla), ma mi permetto solo perché a questo partito ancora ci tengo, convoca l’assemblea del partito!

Annunci

Referendum: che è successo in provincia di Lecce

Beh vediamo di fare un po il punto della situazione nel pd della provincia di Lecce dopo i risultati del Referendum del 4 dicembre…

È vero sto perdendo colpi, se mi accingo a fare questo ben 7 giorni dopo l’esito referendario… vabbè potrei dire che non volevo fare dichiarazioni a caldo seguendo lo stile degli abili comunicatori… ma la verità è che sto incontrando difficoltà anche io ad illustrare una situazione che dire “è da pazzi” è poco…

…vediamo un po’…da dove comincio? Mmmmm… vabbè cominciamo dalla campagna elettorale pre referendum…

…non vedevo una campagna così astiosa da anni…nemmeno alle regionali ci si era spinti a tanto…

…ho visto cose che la mia fantasia stenta a sviluppare… tutto e il contrario di tutto… d’altra parte come ha scritto qualcuno in uno dei tanti post che si sono susseguiti, anzi, per la precisione era un videomessaggio, era in gioco la vita… sicuramente, la sua vita politica lo era e lo è…

…mi vabbene tutto, in campagna elettorale i toni devono essere accesi, il confronto deve essere duro, ma lo scadimento nelle offese personali, proprio non lo tollero… la contrapposizione politica è una cosa, l’offesa alla persona è un’altra e guai a confondere le due cose… ne ho lette di molto pesanti, anche rivolte a me, che tutto sommato sono l’ultima delle ultime ruote del carro…

… e poi… “ma che è successo? Com’è che Sergio Blasi tuo (perché lo avevo sostenuto durante le elezioni regionali e anche dopo) sta votando Si e tu No?” Ebbene si! Questa domanda me l’hanno fatta in tanti… e che gli dovevo dire? …”francamente non lo so! Per come lo conosco io mi sembra incomprensibile, ma avrà avuto le sue buone ragioni”… “ma quali buone ragioni? Ma non era contro la TAP? ma non era contro Cerano? ma non era contro i poteri forti? Ma non era per il rispetto delle regole? Ma non era per il riscatto di una terra maltrattata da Roma…?” …ed io: “mmmmm…credo che lo sia ancora o, almeno, lo spero!”…Insomma, ho perso più tempo a rispondere a queste domande che a quelle sulla reale portata del riforma costituzionale… perché, infondo alla gente, interessa più quello che succede a livello locale che a livello nazionale…

ah! mi stavo dimenticando… alle domande su Blasi ne seguivano altre del tipo: “ma ora con l’Abaterusso sei passato? Come fai a stare sulla stessa posizione di Abaterusso, che tanto hai osteggiato in questi anni?” …”mmmmmmm – pensavo dentro di me – e mo’ come gliela spiego sta cosa?” …un bel respiro, un sorriso alla Mandrake e “ma NO… semplicemente sta volta siamo sulla medesima posizione …stavolta non sta sbagliando”… lapidario, sibillino e via con le argomentazione sul merito della rifoma.

Insomma, si è visto tutto e il contrario di tutto, si sono visti i deputati salentini girare come le trottole per il Salento, per sostenere le ragioni del si, senza fare grandi proseliti, si sono viste le sfilate di sottosegretari e di ministri – sicuramente la più interessante era la Boschi – ma quello che non si è mai visto è l’entusiasmo per una campagna elettorale che ha dato la netta sensazione di essere una sorta di regolamento dei conti all’interno del PD.

A proposito di contrario di tutto… eccolo qui… Piconese – il segretario provinciale del PD… si schiera per il Si… per circa un mese si eclissa… sbuca fuori gli ultimi 5 giorni i campagna elettorale e dice “io sono per il No”… ha lasciato tutti di stucco, come i barbapapà con i barbatrucchi… scatenando le ire funeste di chi lo pensava dalla sua parte sino al giorno prima…ma si sa Lui è così, non lo scopriamo certo adesso (per una maggiore conoscenza potete leggere i miei precedenti articoli su questo blog, basta cercare Piconese)… non è in grado di rappresentare un partito nella sua interezza!

Una cosa è certa è stata una brutta campagna referendaria dove sono emersi rancori mai sopiti, colpi bassi e scorrettezze… ma che vuoi – mi dicono – questa è la politica “nu me fare li chiangimuertu”… può darsi che sia così, ma c’è un limite che per me è invalicabile: il rispetto del mio avversario politico dal punto di vista personale e umano… un limite che non ho mai voluto oltrepassare e che non va oltrepassato.

Per molti la campagna referendaria è stata un posizionamento in vista dei prossimi congressi…per me no: non c’è niente di più sbagliato…e questa cosa l’ho rifiutata con tutte le mie forze, sono andato avanti da solo con le mie convinzioni… non si doveva e non si potevano confondere i due piani… i posizionamenti verranno dopo, in vista dei congressi, tenendo in conto di tante e tante cose che sono successe in questi anni…per ora godiamoci la Costituzione salvata! HA VINTO IL NO!

Qual è la situazione post referendaria nel pd? Un caos a Roma come a Lecce…guerriglie più o meno armate tra gruppi legati ai vari capibastone…promesse di battaglie, promesse di vendette…ma niente di nuovo… sono tre anni (anzi di più) che la vita di partito è questa…

Comunque poi ne parliamo!

PS. ah dimenticavo…c’è stato pure chi diceva di votare No e faceva votare Si… perché non si sa mai è meglio stare da tutte e due le parti! 🙂