Archivio mensile:luglio 2016

PD provincia di Lecce: una direzione sulla direzione

… è così, l’ultima direzione provinciale del PD leccese non è stata altro che una direzione sulla direzione. Scusate il gioco di parole proverò ad essere più chiaro.

Martedì 5 Luglio  si è svolta la direzione provinciale del partito (non so quanti lo sapessero, ma sono certo di a quanti non frega una cippa), dove si sarebbe dovuto analizzare l’esito del voto della appena trascorsa tornata delle elezioni amministrative.

Yahoooo, ho detto dentro di me, quando l’ho saputo, finalmente sento che cosa ha da dire il Segretario provinciale sull’esito elettorale, che ha visto il PD perdere (o vincere per i più faziosi) in circa la metà dei comuni al voto. qualche accenno sull’analisi l’avevo letta nelle dichiarazioni rilasciate alla stampa, il giorno dopo le elezioni, ma volevo sentire di più… volevo cercare di capire le ragioni di certe inspiegabili sconfitte (Nardò). Dentro di me nutrivo la speranza di ascoltare un’analisi dettagliata, magari comune per comune, del voto di Giugno, con una presa di coscienza che il risultato non è stato certo esaltante, in un contesto dove il centrodestra è disgregato come non mai e il M5s (principale antagonista del pd sulla scena nazionale) nel Salento è pressoché inesistente. Forse, come mi aveva suggeìito un amico, sarebbe stato meglio se me ne fossi andato al mare. Infatti nulla di tutto ciò che mi aspettavo è avvenuto. Un’analisi frettolosa, liquidata con “abbiamo vinto nella maggior parte dei comuni al voto…siamo rammaricati per il risultato di Nardò, però compensato con quello di Gallipoli… il pD provinciale è in controtendenza con il dato nazionale… il partito ha dimostrato radicamento e di essere in ottima salute”.  E, cari amici, finisce qui l’analisi del voto.

Ma non finisce la direzione; infatti, finisce la relazione del segretario, e comincia la “discussione”. Il primo intervento è di uno dei reduci della sconfitta di Nardò, che spiega come sono andate le cose lanciando pesanti accuse di tradimento nei confronti di componenti del pD provinciale e regionale. Beneeeee, dico dentro, si comincia a scaldare l’ambiente, forse è la volta buona che si torna a fare una discussione franca sullo stato del partito… macché! Finisce tutto lì, e con il secondo intervento si passa all’analisi della direzione nazionale del pd e della relazione del segretario Renzi. Da quel momento si abbandona ogni discussione sui risultati elettorali e ci si addentra in una più “politica” dissertazione sullo stato del partito nazionale, sulla perdita dei consensi, sulla necessità di cambiare linea, sugli errori di Renzi che hanno comportato la sconfitta del PD a livello nazionale… insomma la direzione convocata per l’analisi del voto, si trasforma in direzione sulla direzione nazionale.

Su 10 interventi, 8 sono per una secca condanna e critica dell’operato del segretario nazionale, uno non ne parla, uno ne parla a favore. Due ore, in cui membri di direzione, consiglieri regionali (per la verità è uno ed unico presente), componenti di uffici politici, argomentano il cattivo stato del partito nazionale individuando errori e possibili soluzioni. “Se si è perso, disperdendo migliaia di voti, la colpa è di Renzi”… “la riforma costituzionale è inaccettabile e al referendum bisogna votare NO” …è questa la sintesi della quasi totalità degli interventi.

Ascoltavo e pensavo! In gran parte ho condiviso quell’analisi sullo stato del partito nazionale! Ma il tutto aveva un grandissimo limite, il considerare avulsa da questa situazione il PD provinciale.

Le stesse critiche, che gli illustri esponenti del Pd provinciale rivolgevano al segretario nazionale  e al gruppo dirigente nazionale io da anni le rivolgo al segretario provinciale e alla sua segreteria… le due situazioni sono perfettamente sovrapponibili… eppure io dico stronzate, loro fanno grandi analisi politiche e dimostrano attaccamento al partito.

Qualcosa non quadra… non ho sentito una parola di autocritica… non si possono criticare certi metodi, se poi a casa proprio si utilizzano quegli stessi… si condannano “i lanciafiamme di Renzi” quando in tante sezioni locali ci sono state epurazioni di oppositori  a colpi di cannone… ci si lamenta che a livello nazionale le minoranze non ricevono ascolto, quando qui non le si prendono nemmeno in considerazione.

No! Così non va… abbiamo perso l’ennesima occasione per rimetterci in piano. Una direzione deludente sotto ogni punto di vista, utile solo a fare un po di propaganda per il No del prossimo referendum costituzionale.

A proposito, e non posso sottacerla, mentre tutto il gruppo di sostegno di Piconese, a giudicare dagli interventi, si è espresso per il No al referendum costituzionale (Abaterusso compreso), il Segretario è per il SI! poi vi dico cosa penso di questa cosa!

 

 

Annunci