Archivi tag: piconese

PD Salentino: un partito declinato

Ma come è possibile… è passato un mese da quando l’ormai ex Segretario provinciale del PD Salvatore Piconese si è dimesso ufficializzando la sua adesione ad Articolo 1 Mdp, eppure tutto tace… è vero, c’è stata una riappropriazione simbolica della federazione di via Tasso da parte di chi per 4 anni si è sentito esiliato o si è voluto esiliare, mi riferisco al gruppo facente capo alla Viceministro Bellanova, che ha salutato con canti di gioia la dipartita dell’ex segretario, ma niente di più… un incontro privo di contenuti, con le solite frasi di circostanza intrise di buoni propositi… gli stessi buoni propositi che sento da 7/8 anni e che puntualmente vengono disattesi… insomma, aria di festa come quando la Juventus arriva seconda in Champion legue… non ha vinto niente eppure gli juventini festeggiano… sarà che non sono juventino, ma francamente grandi motivi di festeggiamenti all’interno del PD (quello che è rimasto) non ne vedo… 4 anni di gestione Piconese hanno lasciato il deserto… un partito pieno di macerie… le stesse macerie che si era ritrovato quando fu eletto Segretario e manifestava la ferrea volontà di eliminarle per “riconnettere” (usava questa parola) il partito al territorio.

È così! Infatti, la demolizione del PD ha un’origine lunga e risale ai tempi della segreteria di Salvatore Capone, allorquando la caduta in disgrazia (politicamente parlando) di Sandro Frisullo, che reggeva abilmente le redini, spalancò le porte dei personalismi avviando al lento ed inesorabile declino del partito.

Perché stiamo parlando di un partito in declino, anzi completamente declinato, se è vero come è vero che perde ininterrottamente sul territorio da anni, pur essendo a livello regionale e nazionale il maggior partito di governo…

Può bastare la vittoria storica di “San Salvemini” a Lecce per far dimenticare le disgrazie in cui versa il PD leccese e salentino? Per me NO! Non ci dimentichiamo che il PD a Lecce racimola un modesto 8,5% ed è secondo nella coalizione dietro una lista civica e in provincia vince solo in una città su 4 di quelle sopra i 15000 abitati… senza dimenticare, perché più di qualcuno tra quelli che gioivano per il ritorno in via Tasso fa finta che non sia successo, la scandalosa sconfitta a San Cesario, la roccaforte salentina del renzismo, la patria dell’Onorevole Capone, che non racimola i voti sufficienti per farsi eleggere a consigliere, la capitale delle iniziative del PD di Governo (la presenza di Ministri, Viceministri, Sottosegretari, Europarlamentari è stata una costante negli ultimi anni)… c’è poco da stare allegri e da festeggiare!

La situazione è drammatica e nonostante tutto si continua a fare finta di niente… ci ritroviamo con un PD senza una guida, senza un gruppo dirigente coeso capace di far fronte alle necessità contingenti del partito, con un congresso provinciale alle porte e con le elezioni politiche dietro l’angolo.

Qualcuno adesso mi dirà: eccolo il solito disfattista, il solito “cacazzi”.

Forse lo sono, ma con l’unica finalità di dare una scossa ad una situazione di paralisi perenne. Sono anni che denuncio questo stato di cose, che invoco un cambiamento di rotta, che invoco un’assemblea programmatica, che invoco un coinvolgimento della base (per base intendo tutti quelli che si spaccano il posteriore per mantenere in piedi un vaso, che ha perso ogni stabilità, senza mai alcuna gratificazione)… Parole, le mie intrise di ragione, ma spesso declassate a polemica politica da chi la politica la intende in maniere personalistica ed autoreferenziale.

Lo stato dei fatti è sotto gli occhi di tutti e chi mi legge sa che ho ragione anche se molti non lo ammetteranno mai…

Credo che per il Pd salentino ci sia la possibilità di un riscatto, che possa ambire ad essere un partito popolare, capace di parlare alle masse, ad una sola condizione: torni ad essere una comunità con comunione d’intenti. Na parola!

Nonostante tutto ci spero ancora (anche se la speranza ogni anno che passa diventa sempre più flebile), perché in questi anni ho conosciuto uomini e donne dalle capacità straordinarie e dalle passioni indescrivibili. Uomini e donne che spesso vengono marginalizzati, spinti quasi nell’angolo del dimenticatoio perché non adombrino la fioca luce di qualcuno che vuole sentirsi il re o la regina del nulla. Uomini e donne che con l’arma dell’indifferenza sono accompagnati “gentilmente” alla porta, facendoli sentire estranei a casa loro e determinando l’emorragia di iscritti alla quale assistiamo da anni.

Non ci vorrebbe molto: solo la reale volontà di cambiare con i fatti ciò che spesso si vuole cambiare a parole.

C’è tanto da fare eppure si sta fermi.

Annunci

Va convocata l’Assemblea provinciale del PD

… vi sembrerà strano, ma ieri sera ho ascoltato che cosa avevano da dire i promotori dei comitati per il No, che si ritrovavano all’hotel Tiziano per un’analisi del voto referendario e discutere del dopo…

…che c’è di strano? Lo strano è che l’iniziativa era sostanzialmente organizzata dal gruppo dirigente del partito democratico provinciale… quel gruppo dal quale notoriamente ho preso le distanze più di una volta non condividendone il percorso politico … ma ero stato invitato e ci sono andato…

…lo dico con la franchezza che mi contraddistingue: non ciò visto nulla di nuovo… il solito tentativo di strutturarsi in un’associazione/corrente, di quelli che, nel corso de miei anni di militanza pd, ne ho già visti nascere e morire alla velocità della luce… solo l’intervento di Pippi Nocera, ex sindaco di Sannicola, mi ha fornito qualche spunto di riflessione insieme a quello di Raffaele Cesari di Maglie… ma è durato giusto il tempo che salisse sul pulpito il Segretario Provinciale del pd…

…la sua relazione (non entrerò nel merito) è stata quella che un segretario di partito normalmente fa all’interno dei cosiddetti organismi di partito (assemblea e direzione) … ha fatto l’analisi del voto referendario e ha prospettato il percorso che il pd provinciale a suo modo di vedere deve fare… ripeto, non entrò nel merito… la cosa assurda, per me, è che il segretario provinciale del pd quella relazione l’avrebbe dovuta nelle cosiddette sedi di partito, negli organismi nati per la discussione… ora mi chiedo come si può voler costruire un partito che funzioni ( e questo è stato il tema della serata) se si parla fuori di esso… se non ci si pone questo problema non potrà nascere mai nulla di nuovo… la situazione è difficile… grandi adunate a Lecce … grandi adunate a Maglie… ma il risultato è sempre uguale… un partito in stallo, vittima di se stesso, sordo alle richieste di cambiamento, che arrivano dall’esterno! 

Salvatore Piconese … per quel che può valere un mio suggerimento (nulla), ma mi permetto solo perché a questo partito ancora ci tengo, convoca l’assemblea del partito!

Referendum: che è successo in provincia di Lecce

Beh vediamo di fare un po il punto della situazione nel pd della provincia di Lecce dopo i risultati del Referendum del 4 dicembre…

È vero sto perdendo colpi, se mi accingo a fare questo ben 7 giorni dopo l’esito referendario… vabbè potrei dire che non volevo fare dichiarazioni a caldo seguendo lo stile degli abili comunicatori… ma la verità è che sto incontrando difficoltà anche io ad illustrare una situazione che dire “è da pazzi” è poco…

…vediamo un po’…da dove comincio? Mmmmm… vabbè cominciamo dalla campagna elettorale pre referendum…

…non vedevo una campagna così astiosa da anni…nemmeno alle regionali ci si era spinti a tanto…

…ho visto cose che la mia fantasia stenta a sviluppare… tutto e il contrario di tutto… d’altra parte come ha scritto qualcuno in uno dei tanti post che si sono susseguiti, anzi, per la precisione era un videomessaggio, era in gioco la vita… sicuramente, la sua vita politica lo era e lo è…

…mi vabbene tutto, in campagna elettorale i toni devono essere accesi, il confronto deve essere duro, ma lo scadimento nelle offese personali, proprio non lo tollero… la contrapposizione politica è una cosa, l’offesa alla persona è un’altra e guai a confondere le due cose… ne ho lette di molto pesanti, anche rivolte a me, che tutto sommato sono l’ultima delle ultime ruote del carro…

… e poi… “ma che è successo? Com’è che Sergio Blasi tuo (perché lo avevo sostenuto durante le elezioni regionali e anche dopo) sta votando Si e tu No?” Ebbene si! Questa domanda me l’hanno fatta in tanti… e che gli dovevo dire? …”francamente non lo so! Per come lo conosco io mi sembra incomprensibile, ma avrà avuto le sue buone ragioni”… “ma quali buone ragioni? Ma non era contro la TAP? ma non era contro Cerano? ma non era contro i poteri forti? Ma non era per il rispetto delle regole? Ma non era per il riscatto di una terra maltrattata da Roma…?” …ed io: “mmmmm…credo che lo sia ancora o, almeno, lo spero!”…Insomma, ho perso più tempo a rispondere a queste domande che a quelle sulla reale portata del riforma costituzionale… perché, infondo alla gente, interessa più quello che succede a livello locale che a livello nazionale…

ah! mi stavo dimenticando… alle domande su Blasi ne seguivano altre del tipo: “ma ora con l’Abaterusso sei passato? Come fai a stare sulla stessa posizione di Abaterusso, che tanto hai osteggiato in questi anni?” …”mmmmmmm – pensavo dentro di me – e mo’ come gliela spiego sta cosa?” …un bel respiro, un sorriso alla Mandrake e “ma NO… semplicemente sta volta siamo sulla medesima posizione …stavolta non sta sbagliando”… lapidario, sibillino e via con le argomentazione sul merito della rifoma.

Insomma, si è visto tutto e il contrario di tutto, si sono visti i deputati salentini girare come le trottole per il Salento, per sostenere le ragioni del si, senza fare grandi proseliti, si sono viste le sfilate di sottosegretari e di ministri – sicuramente la più interessante era la Boschi – ma quello che non si è mai visto è l’entusiasmo per una campagna elettorale che ha dato la netta sensazione di essere una sorta di regolamento dei conti all’interno del PD.

A proposito di contrario di tutto… eccolo qui… Piconese – il segretario provinciale del PD… si schiera per il Si… per circa un mese si eclissa… sbuca fuori gli ultimi 5 giorni i campagna elettorale e dice “io sono per il No”… ha lasciato tutti di stucco, come i barbapapà con i barbatrucchi… scatenando le ire funeste di chi lo pensava dalla sua parte sino al giorno prima…ma si sa Lui è così, non lo scopriamo certo adesso (per una maggiore conoscenza potete leggere i miei precedenti articoli su questo blog, basta cercare Piconese)… non è in grado di rappresentare un partito nella sua interezza!

Una cosa è certa è stata una brutta campagna referendaria dove sono emersi rancori mai sopiti, colpi bassi e scorrettezze… ma che vuoi – mi dicono – questa è la politica “nu me fare li chiangimuertu”… può darsi che sia così, ma c’è un limite che per me è invalicabile: il rispetto del mio avversario politico dal punto di vista personale e umano… un limite che non ho mai voluto oltrepassare e che non va oltrepassato.

Per molti la campagna referendaria è stata un posizionamento in vista dei prossimi congressi…per me no: non c’è niente di più sbagliato…e questa cosa l’ho rifiutata con tutte le mie forze, sono andato avanti da solo con le mie convinzioni… non si doveva e non si potevano confondere i due piani… i posizionamenti verranno dopo, in vista dei congressi, tenendo in conto di tante e tante cose che sono successe in questi anni…per ora godiamoci la Costituzione salvata! HA VINTO IL NO!

Qual è la situazione post referendaria nel pd? Un caos a Roma come a Lecce…guerriglie più o meno armate tra gruppi legati ai vari capibastone…promesse di battaglie, promesse di vendette…ma niente di nuovo… sono tre anni (anzi di più) che la vita di partito è questa…

Comunque poi ne parliamo!

PS. ah dimenticavo…c’è stato pure chi diceva di votare No e faceva votare Si… perché non si sa mai è meglio stare da tutte e due le parti! 🙂

PD Lecce: non servono gli incontri al vertice

Non servono gli incontri al vertice!
… credo che in questo momento il pD leccese, possa trovare la forza per uscire dalla situazione in cui si trova solo tra i suoi iscritti, tra i suoi militanti… serve la loro partecipazione, il loro coinvolgimento… serve restituirgli un ruolo e fargli recuperare fiducia… quella fiducia che è alla base di ogni battaglia… per questo mi sorprende che il Segretario provinciale, piuttosto che convocare una grande assemblea aperta a tutti, si ostini a chiudersi nelle stanzette con “quelli che contano” per cercare soluzioni ad uno stallo che loro stesso hanno creato… ho sentito che lunedì ci sarà un incontro con i “vertici”… sarà un altro tavolo del nulla, se non si lavora per rinsaldare il partito alla base… nessuna coalizione si può formare intorno ad un partito (inteso come una moltitudine di uomini e donne che si impegnano per una causa comune) che non esiste… nessun candidato esterno al partito potrà mai candidarsi sapendo che non c’è una coalizione e un partito forte di riferimento… un segretario provinciale non può dire pubblicamente che la colpa di tutto è da attribuire ai cecchini interni che gli tengono puntato il fucile contro (quand’anche questo fosse vero) e lavarsi così la coscienza… qui stiamo rischiando di fare una figura peggiore di quella del 2012… non sono uno stratega della politica, come qualcuno si atteggia, non ho nessuna verità in tasca, ma di una cosa sono convinto, che le alchimie di palazzo in questo momento non servono o non bastano… bisogna creare le condizioni minime di agibilità politica nel pD… se non si riesce a fare questo è davvero tutto inutile!

PD provincia di Lecce: una direzione sulla direzione

… è così, l’ultima direzione provinciale del PD leccese non è stata altro che una direzione sulla direzione. Scusate il gioco di parole proverò ad essere più chiaro.

Martedì 5 Luglio  si è svolta la direzione provinciale del partito (non so quanti lo sapessero, ma sono certo di a quanti non frega una cippa), dove si sarebbe dovuto analizzare l’esito del voto della appena trascorsa tornata delle elezioni amministrative.

Yahoooo, ho detto dentro di me, quando l’ho saputo, finalmente sento che cosa ha da dire il Segretario provinciale sull’esito elettorale, che ha visto il PD perdere (o vincere per i più faziosi) in circa la metà dei comuni al voto. qualche accenno sull’analisi l’avevo letta nelle dichiarazioni rilasciate alla stampa, il giorno dopo le elezioni, ma volevo sentire di più… volevo cercare di capire le ragioni di certe inspiegabili sconfitte (Nardò). Dentro di me nutrivo la speranza di ascoltare un’analisi dettagliata, magari comune per comune, del voto di Giugno, con una presa di coscienza che il risultato non è stato certo esaltante, in un contesto dove il centrodestra è disgregato come non mai e il M5s (principale antagonista del pd sulla scena nazionale) nel Salento è pressoché inesistente. Forse, come mi aveva suggeìito un amico, sarebbe stato meglio se me ne fossi andato al mare. Infatti nulla di tutto ciò che mi aspettavo è avvenuto. Un’analisi frettolosa, liquidata con “abbiamo vinto nella maggior parte dei comuni al voto…siamo rammaricati per il risultato di Nardò, però compensato con quello di Gallipoli… il pD provinciale è in controtendenza con il dato nazionale… il partito ha dimostrato radicamento e di essere in ottima salute”.  E, cari amici, finisce qui l’analisi del voto.

Ma non finisce la direzione; infatti, finisce la relazione del segretario, e comincia la “discussione”. Il primo intervento è di uno dei reduci della sconfitta di Nardò, che spiega come sono andate le cose lanciando pesanti accuse di tradimento nei confronti di componenti del pD provinciale e regionale. Beneeeee, dico dentro, si comincia a scaldare l’ambiente, forse è la volta buona che si torna a fare una discussione franca sullo stato del partito… macché! Finisce tutto lì, e con il secondo intervento si passa all’analisi della direzione nazionale del pd e della relazione del segretario Renzi. Da quel momento si abbandona ogni discussione sui risultati elettorali e ci si addentra in una più “politica” dissertazione sullo stato del partito nazionale, sulla perdita dei consensi, sulla necessità di cambiare linea, sugli errori di Renzi che hanno comportato la sconfitta del PD a livello nazionale… insomma la direzione convocata per l’analisi del voto, si trasforma in direzione sulla direzione nazionale.

Su 10 interventi, 8 sono per una secca condanna e critica dell’operato del segretario nazionale, uno non ne parla, uno ne parla a favore. Due ore, in cui membri di direzione, consiglieri regionali (per la verità è uno ed unico presente), componenti di uffici politici, argomentano il cattivo stato del partito nazionale individuando errori e possibili soluzioni. “Se si è perso, disperdendo migliaia di voti, la colpa è di Renzi”… “la riforma costituzionale è inaccettabile e al referendum bisogna votare NO” …è questa la sintesi della quasi totalità degli interventi.

Ascoltavo e pensavo! In gran parte ho condiviso quell’analisi sullo stato del partito nazionale! Ma il tutto aveva un grandissimo limite, il considerare avulsa da questa situazione il PD provinciale.

Le stesse critiche, che gli illustri esponenti del Pd provinciale rivolgevano al segretario nazionale  e al gruppo dirigente nazionale io da anni le rivolgo al segretario provinciale e alla sua segreteria… le due situazioni sono perfettamente sovrapponibili… eppure io dico stronzate, loro fanno grandi analisi politiche e dimostrano attaccamento al partito.

Qualcosa non quadra… non ho sentito una parola di autocritica… non si possono criticare certi metodi, se poi a casa proprio si utilizzano quegli stessi… si condannano “i lanciafiamme di Renzi” quando in tante sezioni locali ci sono state epurazioni di oppositori  a colpi di cannone… ci si lamenta che a livello nazionale le minoranze non ricevono ascolto, quando qui non le si prendono nemmeno in considerazione.

No! Così non va… abbiamo perso l’ennesima occasione per rimetterci in piano. Una direzione deludente sotto ogni punto di vista, utile solo a fare un po di propaganda per il No del prossimo referendum costituzionale.

A proposito, e non posso sottacerla, mentre tutto il gruppo di sostegno di Piconese, a giudicare dagli interventi, si è espresso per il No al referendum costituzionale (Abaterusso compreso), il Segretario è per il SI! poi vi dico cosa penso di questa cosa!

 

 

Vince Minerva, perde il PD Salentino

…beh, ora, a urne chiuse, a spogli fatti e a risultati acquisiti, qualche parola su questa tornata di elezioni amministrative la voglio spendere.

Non so da dove partire… è da tanto tempo che non scrivo delle vicende politiche del Pd salentino, che, forse, mi è subentrata un po’ di ruggine.

Credo che sia giusto cominciare dall’unica nota lieta che riesco a intravedere, ossia la bella vittoria di Stefano Minerva (al quale rivolgo un sincero augurio di buon lavoro) a Gallipoli. Ce l’ha fatta! Ha vinto! Ha salvato la faccia ad un Partito Democratico a dir poco deludente sul territorio provinciale.

Infatti, per un partito, che per bocca del suo Segretario provinciale, Salvatore Piconese, si era riproposto di vincere ovunque, nei 23 comuni al voto, affermarsi in meno della metà di questi deve considerarsi un pessimo risultato.

Se non ho sbagliato i conti, vincono solo 11 dei candidati sindaci sostenuti dal Pd su 23 (ma anche se fossero 12 non cambierebbe la sostanza). Di certo non lo possiamo considerare un risultato esaltante (come sono certo che qualcuno farà). Non può essere tale, se lo si considera alla luce dei grandi proclami della segreteria provinciale (“vinciamo ovunque!”) e, soprattutto, alla luce del fatto che ci troviamo difronte al totale disfacimento (o presunto tale) del centrodestra e con il vantaggio a di essere il principale partito di governo in Italia e in Puglia. Vincere in più o meno la metà dei comuni al voto non può essere considerato un buon risultato, per chi da anni predica di essere l’artefice di una non si sa quale “riconnessione” con il territorio, che i fatti dimostrano inesistente.

Ora, già mi immagino, tutti a nascondersi dietro la vittoria a Gallipoli, per dire che tutto ha funzionato. E’ vero, Stefano Minerva ha vinto, ma non dimentichiamo che per il PD è una riconferma, avendo il PD già amministrato la città nella passata consigliatura (il vicesindaco era del PD). Non ci si può nascondere dietro questa vittoria e far finta di dimenticare i tanti Comuni dove si è perso o dove si è vinto con strani apparentamenti che di politico hanno ben poco. Soprattutto, non si può far finta di niente davanti alla CATASTROFE di Nardò.

Si, è stata proprio una catastrofe!  Nardò è il Comune dato per acquisito sicuro, il Comune illustrato come il capolavoro tecnico, tattico-politico di Piconese e Abaterusso, il Comune dove si è lavorato di più negli ultimi anni, vantandosi di aver creato la famosa “riconnesione” tra il partito e il territorio. Nardò è la città più grande dopo Lecce, il risultato che si è avuto, da solo, dovrebbe essere di quelli che dovrebbe far saltare poltrone e poltroncine di chi ha diretto le operazioni. Ma vi rendete conto? Cinque anni fa, Risi vinceva da solo, con il PD contro, oggi con il sostegno di tutto il partito, con tutti gli allargamenti sbandierati, perde al cospetto di un giovane ai più sconosciuto senza apparati alle spalle. Ma di quale “riconnessione” parliamo?

E’ evidente, che il PD, a dispetto di quanto sbandierato, al di là dei proclami e delle chiacchiere di circostanza, ha un problema serio… non riesce ad avere un’anima e non riesce ad avere un corpo… non si intravede una linea politica, una identità politica, si procede alla rinfusa, spesso inseguendo alleanze improbabili e impossibili, che non fanno altro che allontanare tanti che hanno a cuore le sorti del partito. Il partito è lacerato al suo interno e questo, inevitabilmente, si ripercuote all’esterno.

Adesso che facciamo? Continuiamo a fare finta di niente dicendo che siamo “fantastici”, “meravigliosi”, “vincenti”… continuiamo a sbandierare un qualcosa che non esiste e andiamo avanti come si è fatto negli ultimi tre anni, o cominciamo a fare un po’ di autocritica e lavoriamo per costruire un partito che sia partito?

Piconese SVEGLIAAAA!

 

 

L’autosospensione dal Pd sarebbe un atto dovuto

Schermata 01-2457414 alle 18.10.38

…le dichiarazioni  di Abaterusso, pubblicate sulla stampa locale di oggi, pur legittime dal punto di vista personale e umano, mal si conciliano con il ruolo di rappresentante di un partito, che ha sempre sostenuto l’autonomia della magistratura e difeso l’operato dei Giudici.

Non mi avrebbe scandalizzato se a dire che era una “sentenza già scritta” fosse stato un pinco pallino qualsiasi, ma che lo dica un uomo delle Istituzioni e per dippiù del PD è grave!

Al pari, è grave che il PD provinciale dia rilievo a questa dichiarazione sulla propria pagina ufficiale di Facebook, mostrando una comunanza di idee, che sono certo non appartiene a tutto il partito. La solidarietà all’uomo ci può stare, non la metto assolutamente in discussione, ma non si può trascinare tutto un partito su un’opinione personale riguardante l’operato della Magistratura; il Segretario Provinciale Piconese farebbe bene a prendere le distanze.

La vicenda personale di un rappresentate delle Istituzioni del PD salentino, inevitabilmente, trascina con se tutto il partito, recandogli un grave danno d’immagine e aprendo una questione politica, che andrebbe affrontata seriamente e svestendo la casacca dei tifosi.

Sarebbe un atto dovuto in questi casi l’autosospensione dal partito, in attesa di chiarire la propria posizione… ma so bene che ciò ormai è anacronistico.

Quanto dichiarato dall’On. Massa su TAP è politicamente grave e inaccettabile

Schermata 01-2457407 alle 09.05.22

…un brivido mi è corso lungo la schiena… e vi assicuro che non è per il freddo, che è pure intenso in questi giorni… il brivido l’ho avvertito quando ho sentito le dichiarazioni dell’On. Massa del PD di Lecce sulla vicenda TAP…

…accendo la televisione, sintonizzo su un’emittente televisiva locale per ascoltare il notiziario e sento l’On. Massa che dice: abbiamo una finta trattativa, e mi assumo la responsabilità di quello che dico, una sceneggiata sulla possibilità di trasferire TAP in provincia di Brindisi, il procedimento amministrativo è definito, non c’è nessuna possibilità seria che quella infrastruttura venga spostata, per cui c’è una specie di sceneggiata per cui si discute del nulla, nel frattempo, la stessa Regione che dice che si sta lavorando per spostare l’approdo a Brindisi, comincia a rilasciare i permessi, perché partano i lavori a San Foca…io che sono sempre stato dell’opinione che quell’opera si poteva e si doveva fare, penso, però, che se qualcuno pensa che all’interno di questa sceneggiata, dove uno da i permessi e dice che è contrario, l’altro dice che sta verificando se si deve spostare, ma nel frattempo sta cominciando i lavori, dovesse produrre l’effetto che io ho sempre paventato che, cioè, il tubo si fa, ma questo territorio non riceve i benefici a cui ha diritto, allora io penso: a) che chi è responsabile di questo è chi, fino a questo momento ha portato avanti questa sceneggiata del trasferimento, questa ipotesi del terzo tipo, impossibile del trasferimento e non si è invece impegnato, a partire dal sindaco di Melendugno, a difendere le ragioni vere di questo territorio… si, su questo terreno ce l’ho anche con Emiliano…è una sceneggiata (l’intervista potete ascoltarla digitando questo indirizzo: https://www.youtube.com/watch?v=ShNiusRc5W8.)

Ora mi chiedo: come può un Parlamentare del PD dire che quello che sta facendo la Regione, guidata da un Presidente del PD, che è anche il Segretario regionale del PD, per evitare l’approdo di TAP a San Foca, è una sceneggiata? Per me è politicamente gravissimo.

Le parole dell’On. Massa, unite alle dichiarazioni rilasciate qualche giorno fa dal Consigliere Abaterusso, danno la netta sensazione che il PD Salentino (ebbene ricordare che i due sono i massimi esponenti del gruppo dirigente che sta guidando il partito da qualche anno) mal digerisca l’azione della Regione sulla vicenda TAP (ma non solo). E’ davvero così?

A questo punto, il Partito Democratico Salentino, con il suo Segretario Piconese e con i suoi dirigenti, dovrebbe convocare gli organismi e dire chiaramente da che parte sta; dovrebbe dire con un documento chiaro e incontrovertibile che il PD Salentino è contro l’approdo di TAP a San Foca ed è per la tutela del territorio; dovrebbe impegnarsi a sostenere a tutti i livelli istituzionali e non, la battaglia che la Regione e il Presidente Emiliano stanno facendo, per trovare una soluzione alternativa. Il tentativo, sarà anche tardivo, ma va fatto e va sostenuto a tutti i livelli dal Partito con i suoi rappresentanti.

Questo dovrebbe fare un Partito serio, senza generare confusione tra chi ci guarda dall’esterno e senza alimentare polemiche.

 

 

Piconese e il mistero della firma scomparsa

piconese

… lo so, molti mi diranno, ma chi se ne frega di questa stronzata, con tante cose serie a cui pensare? … e gli do ragione, per certi versi è proprio una banalità, rispetto alle tante cose serie che potrei scrivere… ma scrivo quest’articolo solo per chi è appassionato delle vicende interne del PD salentino…

…è successo che ieri a scaldare una fredda domenica d’inverno, sia comparso su facebook un post del Consigliere regionale Sergio Blasi che critica la gestione di Piconese, il segretario provinciale del PD, sulla vicenda di Cavallino ( per i non informati, il circolo di Cavallino con un atto d’imperio della segreteria provinciale è stato commissariato, sollevando dal suo ruolo il segretario cittadino)…

… tutto il giorno si susseguono commenti vari, prese di posizione, mi piace vari, fino a sera, quando verso le otto, compare un post di risposta del Segretario Provinciale alla dura critica fatta da Blasi…

…non entro nel merito del contenuto, perché è scontato quello che dice Piconese, ma mi soffermo sulla firma del documento: Salvatore Piconese – Segretario Provinciale e Vincenzo Toma – Vice Segretario Provinciale… vabbè ci sta, dico tra me e me… ma dopo nemmeno un ora riguardo quel post ed è sparita la firma di Vincenzo Toma…

…oddio, ho pensato, Sant’Antonio ha fatto il miracolo, ha fatto sparire la firma del Vice Segretario Provinciale dal documento del Segretario Provinciale…

…in effetti, ho controllato sta mattina e la firma non è ricomparsa… è stato proprio un miracolo… o forse no!

… forse il Vice Segretario ha, semplicemente, non condiviso le parole e l’intervento del Segretario… forse, il suo nome era stato aggiunto senza che ne condividesse il contenuto… un vero mistero!

…fatto sta, che questo episodio denota, ancora una volta, come vado ripetendo da mesi, quanto il PD sia allo sbando con una segreteria incapace di gestire un partito e quanto il Segretario sia ostaggio di una logica politica che sta disintegrando il partito stesso nelle varie terminazioni territoriali.

…sono proprio curioso di sapere che cosa è successo, anche se io una mia spiegazione me la sono data… e non credo di sbagliare!

Piconese torna a parlare

Piconese torna a parlare!

  
…saranno state le sollecitazioni di questi giorni fattegli prevenire da più parti…

… Forse, però, sarebbe stato meglio che avesse continuato il suo silenzio e lasciare il dubbio circa la sua incapacità di ricoprire il ruolo di segretario provinciale, piuttosto che parlare ed eliminare ogni dubbio!

… Ci si aspettava dichiarazioni coraggiose da parte sua, che tenessero conto della situazione politica sviluppatasi negli ultimi giorni… Ci si aspettava una difesa del partito maltrattato a Bari… Ci si aspettava un segretario pronto a rivendicare le istanze provenienti dai militanti del suo partito …e invece niente! 

Per lui va tutto bene! Stiamo davvero in una botte di ferro!