Archivi tag: 275

La politica che fa sognare, prospettando un futuro che dovrebbe essere già presente

La politica che fa sognare, prospettando un futuro che dovrebbe essere già presente… é proprio ciò che sta succedendo nel mio Salento…

… infatti ciò che la politica attuale è capace di proporre per il futuro, non è altro che proposte vecchie di oltre 10 anni…

… Strada statale 275, metropolitana di superficie, Frecciarossa che arriva a Lecce, piano coste, distretti per il turismo, riconversione a gas della centrale a carbone di Cerano… tutti progetti che sarebbero dovuti essere già realtà…

…e guarda il caso  tali progetti di modernizzazione del territorio vengono riesumati da chi in modo diretto o indiretto ha occupato la scena politica salentina da più di vent’anni…

…mi verrebbe da dire: ma dove siete stati fin’ora? perché fate finta di essere gli ideatori di progetti che si sarebbero dovuti già realizzare?

…faccio un esempio: il progetto della cosiddetta metropolitana di superficie, altro non è che un progetto che ha almeno 11 anni (da quello che io ricordo)… si parlò di metropolitana di superficie nel 2004 allorché divenne presidente della provincia di Lecce Giovanni Pellegrino … allora si leggeva sulla Gazzetta del Mezzogiorno: “Una moderna metropolitana di superficie con nuove carrozze, collegamenti capillari in tutto il Salento e stanzioncine tirate a nuovo per la gioia di turisti e pendolari. Il tutto attraverso una rete ferroviaria completamente ammodernata in cui i vecchi e pericolosi passaggi a livello saranno solo un lontano ricordo. 
Da qui a qualche anno potrebbe essere questo il nuovo scenario delle Ferrovie del Sud Est, una rete di trasporti rinnovata ed efficiente in grado di ribaltare in favore del treno la cultura dominante della «gomma». La scommessa parte questa mattina, nel teatro Politeama Greco, dove il presidente della Provincia Giovanni Pellegrino firmerà assieme al governatore di Puglia Nichi Vendola ed all’amministratore delegato delle Sud Est, Luigi Fiorillo, il protocollo d’intesa per la realizzazione dell’ambizioso progetto“…

…di anni ne son passati non qualche, ma ben 11 e quel progetto che oggi dovrebbe essere una realtà per il nostro territorio, non è altro che un progetto di cui vantarsi per un prossimo (non si sa quanto) futuro…

…analogo discorso può valere per la SS 275 o per il Frecciarossa, per la centrale di Cerano, per il piano coste… progetti vecchi di una politica vecchia che non è stata in grado di realizzarli e che ora li spaccia per le nuove frontiere del futuro…

…ora sia chiaro, benvenga tutto ciò che può portare questa terra al passo con il resto d’Italia, lo si faccia, e lo si faccia in fretta, perché siamo già molto in ritardo…

…questa è una Terra che ha enormi potenzialità, ma che ha bisogno di essere lasciata libera…ha bisogno di volare sulle ali dell’entusiasmo, della inventività e della creatività… non ha bisogno dei lacci e laccioli di chi ha controllato i processi di rinnovamento e intende farlo nel prossimo futuro, facendo passare per futuro ciò che dovrebbe essere presente.

Annunci

Direzione provinciale PD: SI alla SS 275

SI alla SS 275… in sintesi è quello che la Direzione provinciale del PD ha deciso ieri sera.

Dopo le polemiche tutte interne al PD di questi giorni sul tema della SS 275, ieri la Segreteria provinciale del Partito Democratico salentino ha voluto chiarire in maniera inequivocabile la sua posizione… e lo ha fatto presentando nella Direzione un ordine del giorno con il quale il PD salentino dice di ritenere essenziale per lo sviluppo del territorio il raddoppio della Strada Statale 275 (Maglie-Leuca) e, pertanto, avvierà ogni procedura affinché i lavori per la costruzione comincino al più presto (senza mettere in discussione il progetto esistente) e non vada perso il finanziamento previsto.

Il suddetto ordine del giorno, che prevedeva anche un impegno per lo sviluppo della cosiddetta metropolitana di superficie, è stato dato per approvato dai presenti, non essendoci i numeri per una vera e propria votazione come sarebbe previsto dai regolamenti…e soprattutto per la mancanza di posizioni contrastanti …insomma tutti d’accordo, nonostante i contrasti emersi mediaticamente.

Ora, mi chiedo, può davvero un simile documento impegnare tutto il Partito Democratico salentino?… in teoria dovrebbe, al netto della insolita procedura di approvazione… ma lo farà? Conoscendo l’andazzo di questo Partito penso proprio di no… si continuerà ad avere posizioni contrastanti… che avranno un risvolto tutto mediatico.

Ieri si è persa l’ennesima occasione per affrontare dentro il Partito, seriamente, i problemi e le questioni attinenti al nostro territorio… Sebbene, la Direzione sia durata quasi tre ore (c’è da dire che ogni intervento durava almeno 3/4 d’ora), alla fine un vero e proprio dibattito non c’è stato, perché nessuno a preso una posizione di contrarietà all’ordine del giorno che si è chiesto di approvare…

Oggi vedremo che succederà all’Assemblea provinciale…ma sono fermamente convinto che l’andazzo sarà lo stesso!

SS 275 Maglie-Leuca – Nel PD salentino è scontro

…e come sempre più spesso accade nel PD salentino, stiamo assistendo ad uno scontro tutto mediatico tra chi è favorevole e chi è contrario al raddoppio della Strada Statale 275 (per intenderci quella che da Maglie porta a Leuca)…

… è un botta e risposta a distanza che, a mio parere dequalifica, ancora una volta, la funzione del PD, inteso come Partito, ossia associazione di uomini e donne accomunate da una medesima finalità politica, da una comune visione su questioni fondamentali della gestione del territorio e della società  o anche solo su temi specifici e particolari…

…non c’era sicuramente bisogno di questo scontro mediatico per evidenziare quanto il PD non sia un partito, lo ripeto da anni, ma è l’occasione per esprimere un mio modesto parere…

la questione della SS 275, non nasce adesso, ma è vecchia di almeno 20 anni… e sì, sono 20 anni che si disquisisce se sia opportuno o meno realizzare quest’opera e soprattutto come farla…

…secondo me un progetto vecchio di 20 anni non può avere valenza nella realtà attuale, perché nel frattempo son cambiate un sacco di cose…faccio un esempio 20 anni fa il Sud Salento sembrava aver scoperto una vocazione industriale-manifatturiera che giustificava una strada a doppia corsia per consentire un più comodo transito delle merci… ma oggi possiamo dire la stessa cosa? sicuramente no! …negli ultimi anni abbiamo assistito ad un lento decadere di quell’idea di territorio per lasciare spazio a quella del turismo e della recettività ad esso legata… ora questa nuova vocazione ha bisogno di una infrastruttura di così grosso impatto ambientale quale una strada a 4 corsie… o più semplicemente sarebbe sufficiente un adeguamento e una messa in sicurezza del percorso attuale? …perché non potenziare (con il raddoppio delle corsie) l’asse Gallippoli – Leuca, visto che si è già arrivati a Casarano? …considerati i tempi di realizzazione delle infrastrutture qui, nel profondo Sud, soprattutto sarà utile per il prossimo futuro?

… e torno al solito discorso, già fatto tante volte… qui ci dobbiamo immaginare il Salento dei prossimi 20-30 anni… il tipo di sviluppo sul quale si vuole puntare e dotare il territorio delle necessarie infrastrutture… le infrastrutture di cui parliamo oggi dovranno essere funzionali a quello che ci immaginiamo per il prossimo futuro… non ci servono opere fini a se stesse!

…è vero si è discusso della 275 tanto che son passati 20 anni dal concepimento (nel tempo sono emerse vari vicende di carattere giudiziario, è bene ricordarlo)… il tracciato è stato modificato più volte… politici di destra e di sinistra ne hanno fatto il loro cavallo di battaglia nelle varie tornate elettorali… ma tutta questa discussione ha solo prodotto indeterminatezza, paralisi e spreco di soldi, senza alcuna soluzione che sia apprezzabile…

… non c’è dubbio che quella strada, la 275, vada migliorata, perché così com’è non può restare… ma nel contempo non la si può non inserire in un complesso di riorganizzazione della viabilità salentina complessiva…

… a questo punto un’opinione univoca del PD (inteso come comunità che persegue i medesimi obiettivi) non sarebbe male, invece di ascoltare le mille opinioni più o meno vincolanti di singoli consiglieri o deputati… ma so di chiedere l’impossibile, perché so bene che gli attuali dirigenti non sono all’altezza della situazione…

…lo spettacolo delle mille posizioni discordanti è poco gratificante per chi segue il PD e soprattutto per chi lo vota, ma questa è la realtà!

Aiutooo! Arrivano i Marziani!

…Aiutooo! Arrivano i Marziani! …E’ quello che ho pensato in questi giorni leggendo e ascoltando certuni rappresentanti delle nostre istituzioni… a giudicare le loro parole sembra che siano appena sbarcati su questa terra!

Qui c’è un territorio che sta morendo e si fa finta di non vedere, si illude la gente, si danno le colpe ad altri, nell’eterno gioco dello scarica barile…

…la nostra è una terra che sta lentamente morendo, eppure nessuno ne prende atto e cerca di porre rimedio… stiamo assistendo alla lenta decadenza di un territorio, in cui, forse troppo presto, si è pensato di essere usciti dal tunnel della criticità propria delle regioni meridionali… in effetti per una decina d’anni a cavallo tra gli ultimi anni ’90 e il 2005 questa illusoria sensazione l’abbiamo avuta un po’ tutti… ma come ho detto era una pura illusione… non si è saputo dare seguito a quel immagine che si era riusciti a creare… quella del Salento D’amare… forse si è pensato troppo presto di essere arrivati alla meta, che le cose da lì in avanti sarebbero andate avanti da sole, che non c’era più bisogno di uomini o donne che sognassero e nel contempo si battessero per realizzare i loro sogni… siamo passati al culto della persona, alla propaganda, alla demagogia fine a se stessa… ad una gestione della cosa pubblica più intesa a rafforzare un’immagine che a risolvere i problemi e a fare una reale programmazione territoriale…

…e non mi venite a dire che il Salento risulta essere una delle principale mete turistiche in Italia… con questo turismo così gestito non si va lontano… con due-tre mesi di turismo balneare (perché di questo si tratta è bene sottolinearlo) non possiamo pensare di risolvere il problema economico di questa terra…

La situazione qui è nera (non c’è bisogno di indicatori di settore e di studi demoscopici, basta uscire di casa e immergersi nella realtà…mi faccio un giro per Lecce (la città in cui passo la maggior parte della mia giornata) in una serata infrasettimanale e vedo da un lato negozi chiusi e dall’altro negozi vuoti… le decine di locali (bar, pub, ristoranti) con qualche affezionato cliente che sta lì più per passare il tempo che per consumare… i trasporti pubblici che non funzionano, le strade senza manutenzione (per es. la tendenziale di Lecce che di questo passo diventerà un bosco)… metti il naso fuori dalla città ed è peggio: le aziende che chiudono, i treni che prendono fuoco, l’agricoltura in ginocchio (la questione xylella su tutto che rimane aperta e non affrontata come si dovrebbe)… insomma un quadro che farebbe venire voglia di scappare il più lontano possibile da questa terra (come in effetti sta succedendo)…

…davanti ad un quadro siffatto leggo le dichiarazioni dei Marziani… che il Freccia Rossa (mi riferisco al treno e non a qualche indiano del Nord America) l’anno prossimo arriverà a Lecce (ma prima vanno eseguiti i lavori di adeguamento alla rete ferroviaria di tutto il Sud Italia)… che una moderna metropolitana di superficie (se ne parla da 10 anni) forse si vedrà grazie a un centinaio di milioni di euro stanziati in una manovra finanziaria nazionale (ma questa non è neppure una novità, perché abbiamo visto destinare vari finanziamenti alle Ferrovie Sud Est negli ultimi anni senza che producessi alcun risultato)… che una tratta ferroviaria di 50 KM che si percorre in 2 ore è turisticamente attrattiva (???)… che è necessario raddoppiare una Strada Statale (mi riferisco alla 275), perché altrimenti si concretizzerebbe il fallimento di 20 anni di politica salentina (forse meglio di sud-salentina)… che è necessario ridiscutere la realizzazione della suddetta Strada Statale (dando conferma del fallimento di 20 di anni di politica salentina o sud.salentina che dir si voglia)… che la TAP si deve fare, perché “Vuolsi così colà dove si punte ciò che si vuole, e più non dimandare”, ma che non sarà utile economicamente al nostro territorio perché pure i tubi li prenderanno da qualche stabilimento siderurgico della Germania… che la Xylella, fastidiosa era e fastidiosa rimane, con un piano (quello del super Commissario per l’emergenza) che è stato imposto ad un territorio e che mira a cambiargli i connotati (con l’abbattimento di migliaia di ulivi sani), quindi accontentiamoci di non vedere sorgere qualche bella villa con piscina nei prossimi 15 anni (ma poi si vedrà)…

… sembrano atterrati ieri, ma i Marziani sono tra noi da anni ormai!