Archivi tag: pd della provincia di lecce

L’autosospensione dal Pd sarebbe un atto dovuto

Schermata 01-2457414 alle 18.10.38

…le dichiarazioni  di Abaterusso, pubblicate sulla stampa locale di oggi, pur legittime dal punto di vista personale e umano, mal si conciliano con il ruolo di rappresentante di un partito, che ha sempre sostenuto l’autonomia della magistratura e difeso l’operato dei Giudici.

Non mi avrebbe scandalizzato se a dire che era una “sentenza già scritta” fosse stato un pinco pallino qualsiasi, ma che lo dica un uomo delle Istituzioni e per dippiù del PD è grave!

Al pari, è grave che il PD provinciale dia rilievo a questa dichiarazione sulla propria pagina ufficiale di Facebook, mostrando una comunanza di idee, che sono certo non appartiene a tutto il partito. La solidarietà all’uomo ci può stare, non la metto assolutamente in discussione, ma non si può trascinare tutto un partito su un’opinione personale riguardante l’operato della Magistratura; il Segretario Provinciale Piconese farebbe bene a prendere le distanze.

La vicenda personale di un rappresentate delle Istituzioni del PD salentino, inevitabilmente, trascina con se tutto il partito, recandogli un grave danno d’immagine e aprendo una questione politica, che andrebbe affrontata seriamente e svestendo la casacca dei tifosi.

Sarebbe un atto dovuto in questi casi l’autosospensione dal partito, in attesa di chiarire la propria posizione… ma so bene che ciò ormai è anacronistico.

Annunci

Quanto dichiarato dall’On. Massa su TAP è politicamente grave e inaccettabile

Schermata 01-2457407 alle 09.05.22

…un brivido mi è corso lungo la schiena… e vi assicuro che non è per il freddo, che è pure intenso in questi giorni… il brivido l’ho avvertito quando ho sentito le dichiarazioni dell’On. Massa del PD di Lecce sulla vicenda TAP…

…accendo la televisione, sintonizzo su un’emittente televisiva locale per ascoltare il notiziario e sento l’On. Massa che dice: abbiamo una finta trattativa, e mi assumo la responsabilità di quello che dico, una sceneggiata sulla possibilità di trasferire TAP in provincia di Brindisi, il procedimento amministrativo è definito, non c’è nessuna possibilità seria che quella infrastruttura venga spostata, per cui c’è una specie di sceneggiata per cui si discute del nulla, nel frattempo, la stessa Regione che dice che si sta lavorando per spostare l’approdo a Brindisi, comincia a rilasciare i permessi, perché partano i lavori a San Foca…io che sono sempre stato dell’opinione che quell’opera si poteva e si doveva fare, penso, però, che se qualcuno pensa che all’interno di questa sceneggiata, dove uno da i permessi e dice che è contrario, l’altro dice che sta verificando se si deve spostare, ma nel frattempo sta cominciando i lavori, dovesse produrre l’effetto che io ho sempre paventato che, cioè, il tubo si fa, ma questo territorio non riceve i benefici a cui ha diritto, allora io penso: a) che chi è responsabile di questo è chi, fino a questo momento ha portato avanti questa sceneggiata del trasferimento, questa ipotesi del terzo tipo, impossibile del trasferimento e non si è invece impegnato, a partire dal sindaco di Melendugno, a difendere le ragioni vere di questo territorio… si, su questo terreno ce l’ho anche con Emiliano…è una sceneggiata (l’intervista potete ascoltarla digitando questo indirizzo: https://www.youtube.com/watch?v=ShNiusRc5W8.)

Ora mi chiedo: come può un Parlamentare del PD dire che quello che sta facendo la Regione, guidata da un Presidente del PD, che è anche il Segretario regionale del PD, per evitare l’approdo di TAP a San Foca, è una sceneggiata? Per me è politicamente gravissimo.

Le parole dell’On. Massa, unite alle dichiarazioni rilasciate qualche giorno fa dal Consigliere Abaterusso, danno la netta sensazione che il PD Salentino (ebbene ricordare che i due sono i massimi esponenti del gruppo dirigente che sta guidando il partito da qualche anno) mal digerisca l’azione della Regione sulla vicenda TAP (ma non solo). E’ davvero così?

A questo punto, il Partito Democratico Salentino, con il suo Segretario Piconese e con i suoi dirigenti, dovrebbe convocare gli organismi e dire chiaramente da che parte sta; dovrebbe dire con un documento chiaro e incontrovertibile che il PD Salentino è contro l’approdo di TAP a San Foca ed è per la tutela del territorio; dovrebbe impegnarsi a sostenere a tutti i livelli istituzionali e non, la battaglia che la Regione e il Presidente Emiliano stanno facendo, per trovare una soluzione alternativa. Il tentativo, sarà anche tardivo, ma va fatto e va sostenuto a tutti i livelli dal Partito con i suoi rappresentanti.

Questo dovrebbe fare un Partito serio, senza generare confusione tra chi ci guarda dall’esterno e senza alimentare polemiche.

 

 

Piconese e il mistero della firma scomparsa

piconese

… lo so, molti mi diranno, ma chi se ne frega di questa stronzata, con tante cose serie a cui pensare? … e gli do ragione, per certi versi è proprio una banalità, rispetto alle tante cose serie che potrei scrivere… ma scrivo quest’articolo solo per chi è appassionato delle vicende interne del PD salentino…

…è successo che ieri a scaldare una fredda domenica d’inverno, sia comparso su facebook un post del Consigliere regionale Sergio Blasi che critica la gestione di Piconese, il segretario provinciale del PD, sulla vicenda di Cavallino ( per i non informati, il circolo di Cavallino con un atto d’imperio della segreteria provinciale è stato commissariato, sollevando dal suo ruolo il segretario cittadino)…

… tutto il giorno si susseguono commenti vari, prese di posizione, mi piace vari, fino a sera, quando verso le otto, compare un post di risposta del Segretario Provinciale alla dura critica fatta da Blasi…

…non entro nel merito del contenuto, perché è scontato quello che dice Piconese, ma mi soffermo sulla firma del documento: Salvatore Piconese – Segretario Provinciale e Vincenzo Toma – Vice Segretario Provinciale… vabbè ci sta, dico tra me e me… ma dopo nemmeno un ora riguardo quel post ed è sparita la firma di Vincenzo Toma…

…oddio, ho pensato, Sant’Antonio ha fatto il miracolo, ha fatto sparire la firma del Vice Segretario Provinciale dal documento del Segretario Provinciale…

…in effetti, ho controllato sta mattina e la firma non è ricomparsa… è stato proprio un miracolo… o forse no!

… forse il Vice Segretario ha, semplicemente, non condiviso le parole e l’intervento del Segretario… forse, il suo nome era stato aggiunto senza che ne condividesse il contenuto… un vero mistero!

…fatto sta, che questo episodio denota, ancora una volta, come vado ripetendo da mesi, quanto il PD sia allo sbando con una segreteria incapace di gestire un partito e quanto il Segretario sia ostaggio di una logica politica che sta disintegrando il partito stesso nelle varie terminazioni territoriali.

…sono proprio curioso di sapere che cosa è successo, anche se io una mia spiegazione me la sono data… e non credo di sbagliare!

…perché non parlo più del PD Salentino

…qualcuno mi ha chiamato, quasi preoccupato, dicendomi: ma che ti è successo? com’è che davanti a ciò che sta succedendo nel PD della provincia di Lecce stai zitto? Tu, certi fatti, in altri tempi, li avresti notati e fatti notare subito… sei stato sempre il primo a denunciare certe schifezze…hai perso il tuo senso critico? …o ti hanno promesso qualcosa?

…lo ammetto… mi ha lasciato un po’ senza parole questo richiamo… la prima cosa che gli ho detto è stata: hai ragione!

… ma su cosa gli ho dato ragione? Non certo sulla sua preoccupazione che il mio silenzio fosse la conseguenza di qualche promessa fattami… gli ho dato ragione sul fatto che volutamente da un po’ di tempo ho scelto di non commentare, evidenziare, criticare tutto ciò che non va nel PD di Lecce…

…ho fatto questa scelta, non perché, improvvisamente, tutto mi va bene, ma perché, lo ammetto, mi sono rotte un po’ le palle dell’andazzo di questo PD provinciale… eppure sono uno che ha molta resistenza, che non molla tanto facilmente…

…si, mi sono rotte le palle! Mi sono rotte le palle, non di essere una voce critica, spesso fuori dal coro, spesso bistrattata e derisa, ma sempre finalizzata al bene di un partito che lentamente sta smettendo di essere tale.

… quante volte ho criticato una gestione politica, quella del PD Salentino non all’altezza della situazione? …quante volte ho dichiarato pubblicamente che è necessario cambiare rotta? …quante volto ho gridato, anche pubblicamente, che, in nome dell’individualismo e del acceso personalismo, si sta uccidendo una comunità di migliaia di uomini e donne che ha creduto in un’idea, in un simbolo? …tante! tantissime volte l’ho fatto! e tutto questo per sentirmi dire che sono un disfattista e uno che ancora non ha capito come va la politica!

… E no cari miei! Io ho capito benissimo come va la politica… e ho capito benissimo come va la politica salentina e le dinamiche che governano il Partito Democratico… ma non le ho mai accettate e non credo che le accetterò mai.

… mi sono stancato di evidenziare la gestione dissennata, accentratrice, monopolistica, personalistica del PD salentino, non mi sorprende più niente… non mi sorprende di leggere che si commissariano circoli (ormai in provincia di Lecce sono decine, dove c’è un segretario scomodo lo si rimuove), solo perché non si allineano ai capetti che dirigono il partito… non mi sorprende che si seguono linee politiche mai decise negli organismi, non mi sorprende che in vista delle amministrative della prossima primavera non si capisca la direzione che si è scelta di percorrere, non mi sorprendono le guerre tra bande che muovono la scelta di un candidato o di un altro…

…mi sorprende però, ed è questo il motivo per cui mi sono mostrato disinteressato in quest’ultimo periodo, il silenzio di chi, come me non ha interessi personali, che ha fatto sempre politica per passione e in nome di un ideale, che ha sempre creduto nel partito come comunità che persegue un medesimo obiettivo, che si è sempre speso per tirare avanti la carretta anche in tempi in cui essere del PD non era di gran moda…

…è questo SILENZIO, che mi ha bloccato, paralizzato, demotivato… un silenzio, timoroso e rassegnato che sta portando a svuotare gli organismi di partito di ogni forma di dibattito…non si discute più, non si parla più, si è persa la capacità di indignarsi, di prospettare una propria idea…

…si preferisce tacere e nascondersi dietro la maschera di un’indifferenza conveniente e connivente…

…si preferisce tacere, perché così ci hanno detto…si preferisce tacere perché non si sa mai… si preferisce tacere perché tanto non cambierà mai niente…

…e davanti a tutto questo SILENZIO che parlo a fare?

 

Vanno bene le infrastrutture per il futuro… ma per il presente?

Vanno bene le infrastrutture per il futuro, ma per il presente? …è quello che ho pensato ieri partecipando al forum regionale su: “Metropolitana di Superficie del Salento e Mobilità Veloce”, organizzato dal PD della provincia di Lecce. Continua a leggere Vanno bene le infrastrutture per il futuro… ma per il presente?

Direzione provinciale PD: SI alla SS 275

SI alla SS 275… in sintesi è quello che la Direzione provinciale del PD ha deciso ieri sera.

Dopo le polemiche tutte interne al PD di questi giorni sul tema della SS 275, ieri la Segreteria provinciale del Partito Democratico salentino ha voluto chiarire in maniera inequivocabile la sua posizione… e lo ha fatto presentando nella Direzione un ordine del giorno con il quale il PD salentino dice di ritenere essenziale per lo sviluppo del territorio il raddoppio della Strada Statale 275 (Maglie-Leuca) e, pertanto, avvierà ogni procedura affinché i lavori per la costruzione comincino al più presto (senza mettere in discussione il progetto esistente) e non vada perso il finanziamento previsto.

Il suddetto ordine del giorno, che prevedeva anche un impegno per lo sviluppo della cosiddetta metropolitana di superficie, è stato dato per approvato dai presenti, non essendoci i numeri per una vera e propria votazione come sarebbe previsto dai regolamenti…e soprattutto per la mancanza di posizioni contrastanti …insomma tutti d’accordo, nonostante i contrasti emersi mediaticamente.

Ora, mi chiedo, può davvero un simile documento impegnare tutto il Partito Democratico salentino?… in teoria dovrebbe, al netto della insolita procedura di approvazione… ma lo farà? Conoscendo l’andazzo di questo Partito penso proprio di no… si continuerà ad avere posizioni contrastanti… che avranno un risvolto tutto mediatico.

Ieri si è persa l’ennesima occasione per affrontare dentro il Partito, seriamente, i problemi e le questioni attinenti al nostro territorio… Sebbene, la Direzione sia durata quasi tre ore (c’è da dire che ogni intervento durava almeno 3/4 d’ora), alla fine un vero e proprio dibattito non c’è stato, perché nessuno a preso una posizione di contrarietà all’ordine del giorno che si è chiesto di approvare…

Oggi vedremo che succederà all’Assemblea provinciale…ma sono fermamente convinto che l’andazzo sarà lo stesso!

PD della provincia di Lecce: si dimette il tesoriere

Il PD della provincia di Lecce perde il tesoriere e nessuno ne parla… ma quanto è strano questo partito!

Il tesoriere provinciale del PD si dimette nella totale indifferenza dei più… eppure non è una cosa di poco conto se un Coordinamento provinciale del PD perde il suo tesoriere…

E’ bene ricordare che il dimissionario Tesoriere era stato nominato dall’attuale segreteria provinciale poco meno di due anni fa … perché queste repentine dimissioni?

Ancora non si conoscono le motivazioni ufficiali, che credo saranno rese note durante la prossima Assemblea Provinciale del PD, fissata per domani 10 Novembre, ma io una certa idea ce l’ho e presumo che abbia a che fare con la situazione economica in cui versa il Partito.

Che il PD della Provincia di Lecce versi in non floride condizioni economiche non è un mistero… è un mistero il perché dopo due anni di gestione dell’attuale segreteria, dopo lo sbandierato impegno a ripianare il bilancio deficitario del partito, dopo certi proclami del Segretario Provinciale “arrivano le prime sottoscrizioni che fotografano un partito coeso che comunque si da fare. Poi a breve partiremo con le feste di autofinanziamento” (Quotidiano 8.4.2014), dopo aver lanciato la famigerata colletta e aver chiesto a tutti gli eletti il versamento dei loro contributi, la situazione sia tale da determinare le dimissioni del Tesoriere.

Il silenzio assordante sulle dimissioni del tesoriere del PD mi lascia perplesso… Sinceramente spero di sbagliarmi su quelle che potrebbero essere le motivazioni che porteranno domani ad eleggere un nuovo tesoriere… domani vedremo!

SS 275 Maglie-Leuca – Nel PD salentino è scontro

…e come sempre più spesso accade nel PD salentino, stiamo assistendo ad uno scontro tutto mediatico tra chi è favorevole e chi è contrario al raddoppio della Strada Statale 275 (per intenderci quella che da Maglie porta a Leuca)…

… è un botta e risposta a distanza che, a mio parere dequalifica, ancora una volta, la funzione del PD, inteso come Partito, ossia associazione di uomini e donne accomunate da una medesima finalità politica, da una comune visione su questioni fondamentali della gestione del territorio e della società  o anche solo su temi specifici e particolari…

…non c’era sicuramente bisogno di questo scontro mediatico per evidenziare quanto il PD non sia un partito, lo ripeto da anni, ma è l’occasione per esprimere un mio modesto parere…

la questione della SS 275, non nasce adesso, ma è vecchia di almeno 20 anni… e sì, sono 20 anni che si disquisisce se sia opportuno o meno realizzare quest’opera e soprattutto come farla…

…secondo me un progetto vecchio di 20 anni non può avere valenza nella realtà attuale, perché nel frattempo son cambiate un sacco di cose…faccio un esempio 20 anni fa il Sud Salento sembrava aver scoperto una vocazione industriale-manifatturiera che giustificava una strada a doppia corsia per consentire un più comodo transito delle merci… ma oggi possiamo dire la stessa cosa? sicuramente no! …negli ultimi anni abbiamo assistito ad un lento decadere di quell’idea di territorio per lasciare spazio a quella del turismo e della recettività ad esso legata… ora questa nuova vocazione ha bisogno di una infrastruttura di così grosso impatto ambientale quale una strada a 4 corsie… o più semplicemente sarebbe sufficiente un adeguamento e una messa in sicurezza del percorso attuale? …perché non potenziare (con il raddoppio delle corsie) l’asse Gallippoli – Leuca, visto che si è già arrivati a Casarano? …considerati i tempi di realizzazione delle infrastrutture qui, nel profondo Sud, soprattutto sarà utile per il prossimo futuro?

… e torno al solito discorso, già fatto tante volte… qui ci dobbiamo immaginare il Salento dei prossimi 20-30 anni… il tipo di sviluppo sul quale si vuole puntare e dotare il territorio delle necessarie infrastrutture… le infrastrutture di cui parliamo oggi dovranno essere funzionali a quello che ci immaginiamo per il prossimo futuro… non ci servono opere fini a se stesse!

…è vero si è discusso della 275 tanto che son passati 20 anni dal concepimento (nel tempo sono emerse vari vicende di carattere giudiziario, è bene ricordarlo)… il tracciato è stato modificato più volte… politici di destra e di sinistra ne hanno fatto il loro cavallo di battaglia nelle varie tornate elettorali… ma tutta questa discussione ha solo prodotto indeterminatezza, paralisi e spreco di soldi, senza alcuna soluzione che sia apprezzabile…

… non c’è dubbio che quella strada, la 275, vada migliorata, perché così com’è non può restare… ma nel contempo non la si può non inserire in un complesso di riorganizzazione della viabilità salentina complessiva…

… a questo punto un’opinione univoca del PD (inteso come comunità che persegue i medesimi obiettivi) non sarebbe male, invece di ascoltare le mille opinioni più o meno vincolanti di singoli consiglieri o deputati… ma so di chiedere l’impossibile, perché so bene che gli attuali dirigenti non sono all’altezza della situazione…

…lo spettacolo delle mille posizioni discordanti è poco gratificante per chi segue il PD e soprattutto per chi lo vota, ma questa è la realtà!

Che cosa ho detto all’Assemblea Regionale del PD Puglia

Visto che molti me lo stanno chiedendo, anche se molti altri non se ne fregano una “cippa”, Vi dico che ho detto all’Assemblea Regionale del PD Puglia.

…Beh ho detto quello che credo avrebbe detto un qualsiasi militante o simpatizzante del PD…uno di quelli senza incarichi…uno di quelli che viene chiamato a votare per il partito o a mettere una firma per presentare una candidatura, a partecipare alle famose “Primarie”, a partecipare a qualche conferenza dando fiducia a chi lo dirige, lo governa, lo amministra… Ho detto che quel PDdino medio in questo momento non ci sta capendo niente… è confuso, è disorientato… non si sta rendendo conto delle dinamiche che stanno reggendo il partito da Roma, passando per Bari, Lecce e fino a Bangkok… gli si dice che va tutto bene, che il partito è in salute, che è dinamico e che è unito come non mai… ma qualcosa non quadra… quel povero militante o simpatizzante del PD, che poi tanto scemo non è, una domanda se la pone: ma se siamo un partito felice, dove tutto va bene, dove regna l’armonia e quell’unità tipica di una comunità, perché, come circola voce, da Roma ci vogliono commissariare? Perché sospendere un fase congressuale iniziata, giunta alla presentazione delle candidature (quella della Gentile e di Minerva) e che avrebbe portato al voto il 30 Novembre (come aveva deciso LEGITTIMAMENTE la precedente Assemblea Regionale)? Davvero lo si fa per consentire qualche modifica del regolamento statutario?

…È evidente che c’è qualcosa che non va… ma è altrettanto evidente che il bravo militante medio del PD certe cose non le deve sapere, perché sono “questioni politiche”… e le “questioni politiche” le discutono gli alti dirigenti tra di loro e sono loro a trovare le soluzioni, che poi risulteranno condivise anche se non sono state condivise (neppure tra di loro).

… E poi ci sorprendiamo che non si fanno più tessere, che le sezioni o i circoli rimangono chiusi, che gli organismi di partito sono semideserti, che sempre di più decidono di lasciare il PD.

Ovviamente, ho esaurito in fretta i miei tre minuti (avendo dovuto compensare la mezz’ora dell’intervento di ben altro spessore dello scoperto renziano Onorevole che mi aveva preceduto) e sono uscito fuori traccia… perché la traccia era: dobbiamo sospendere il congresso del PD Puglia e rinviare la data come ci è stato chiesto da Roma? …Ovviamente, dobbiamo sospenderlo e rinviarlo al 13 Marzo, mantenendo le candidature fin’ora in campo, ma che si potrebbero allargare a seconda che le cosiddette “questione politiche” si risolvano o no!

Stai nel PD? Allora trovati un padrino o una madrina

Se stai nel PD allora trovati un padrino o una madrina anche tu…

…ebbene si… se non ce l’hai ancora e stai nel partito democratico ti consiglio vivamente di andarti a cercare un padrino o una madrina… è l’unico modo per far finta di starci dentro e contare qualcosa.

… è ovvio… non potrai decidere niente… non conterai niente… dovrai avallare le decisioni che il padrino o la madrina ti diranno di avallare… dovrai prendere schiaffi (solo in senso figurato, spero) per loro e nonostante tutto difendere il loro operato… ti dovrai scordare quelle belle discussioni collettive, alle quali, magari senti l’impulso di partecipare… ti dovrai scordare di poter incidere in qualche decisione importante che riguarda la collettività… dovrai scordare che sei parte di un partito-comunità e convincerti che fai parte di un ristretto gruppo di benemeriti, che poi tanto ristretto non è… e allora dovrai accettare di stare in prima, seconda o terza linea rispetto alla centralità del tuo padrino o della tua madrina… dipenderà da quanto sei bravo tu… ovviamente, bravo, non nel senso di intelligente, preparato, impegnato, ma nel senso di servile e sottomesso… e non dovrai prendertela se in certi momenti e per anni non verrai considerato/a… rimarrai sempre nel cuore di colui o di colei ai quali ti sei votato e hai votato… stanne certo: non si dimenticano di te… alla prima campagna elettorale o al primo momento di bisogno, tornerai al centro del loro mondo… tornerai ad essere importante anzi INDISPENSABILE … ma fino ad allora stattene TRANQUILLO, NON ROMPERE LE SCATOLE, LASCIA FARE QUELLO CHE HANNO DECISO DI FARE… c’è una buona possibilità che prima o poi qualche piccola soddisfazione ti arriverà! FORSE! …ma almeno ci speri!