Un quadro politico complicato, quello che è derivato dalle Elezioni Politiche

Il quadro politico in Italia è molto complesso è inutile nasconderselo… si pensava che con le elezioni politiche del 4 Marzo sarebbe cambiato qualcosa e invece siamo a punto e a capo. L’esito delle urne ha detto cose importanti, certo, ma non ci consente di avere un quadro chiaro di quello che sarà il futuro politico di questo Paese.

Chi ha vinto? sgombriamo il campo da ogni dubbio… non ha vinto nessuno, perchè non poteva vincere nessuno! La legge elettorale era stata consapevolmente fatta per determinare questo risultato.

Mi direte “ma i il M5s ha preso quasi il 33% dei consensi , quasi doppiando il consenso degli altri partiti”, è vero ma questo conta poco. in un sistema elettorale di tipo proporzionale (lo possiamo definire così il Rosatellum, anche se c’è una quota di parlamentari eletti con il maggioritario), nessun partito più vincere se non ottiene la maggioranza assoluta dei consensi. Dunque, nessun partito ha vinto, perchè nessun partito ha la maggioranza assoluta.

Questo sistema, imporrebbe un dialogo (che stenta ad avviarsi) tra forze politiche, che mai come in questo momento storico risultano essere eterogenee e antitetiche l’una all’altra.

Eppure, la nostra storia di queste situazioni ne ha già vissute tante, specie nella cosiddetta prima repubblica… ma erano altri tempi e si è sempre trovata una soluzione. Vi ricordate i famosi governi di pentapartito o di quadripartito.

Che cosa è cambiato? E’ cambiato il ruolo dei partiti. E’ cambiata la consistenza stessa dei partiti. Mentre una volta ci trovavamo di fronte a compagini con una chiara connotazione ideologica, oggi non lo sono più. Gli schieramenti oggi in campo sono certamente figli di quella concezione ideologica, ma hanno perso i tratti distintivi, si sono annacquati, si sono contaminati. Trovare vere e significative differenze tra gli uni e gli altri appare un’impresa ardua per tutti, anche per chi è addentro alla politica.

Al superamento delle ideologie, si aggiunge l’introduzione del concetto di “leader”,  una figura nuova, ben distinta dal vecchio capo partito. I moderni leaders non si preoccupano più di rappresentare una pluralità di idee, ma sono essi stessi l’idea alla quale aderire o non aderire. Di fatto assistiamo alla mortificazione della democrazia interna e all’adeguamento incondizionato al pensiero del capo.

In questo quadro, è difficile far prevalere la POLITICA, si preferisce far prevalere la faziosità e il personalismo.

Ed è così che le attuali forze politiche hanno creato il famoso “stallo alla messicana”; tre soggetti uno di fronte all’altro, in circolo, che si tengono puntata la pistola, ma nessuno spara per paura di essere colpito dall’altro. E’ un esempio cinematografico, ma che rende bene l’idea della situazione attuale. Nessuno vuole fare un governo con l’altro per paura di perdere i propri consensi.

Davanti a questa situazione, sarà difficile per il Presidente della Repubblica individuare un percorso che sia politico e che porti alla formazione di un nuovo governo e diventa sempre più probabile l’ipotesi di elezioni anticipate. Ovviamente, andare a votare con il medesimo sistema elettorale può essere un pericolo, in quanto si rischierebbe di ritrovarsi con un risultato simile all’attuale; si dovrebbe cambiare la legge elettorale, ma l’esperienza appena passata insegna che non è cosa semplice, specie se si guardano i propri interessi di sopravvivenza e non quelli collettivi di una nazione.

Sarà un bel rebus da risolvere per il Presidente.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...