Vi piaceva vincere facile

…è quello che sto pensando! con riferimento a quei dirigenti e  amministratori del PD salentino che in questi giorni, all’indomani dei risultati delle elezioni amministrative, si stanno lamentando con Renzi attribuendogli la causa degli sconfortanti risultati ottenuti dal partito.

Tutti ad invocare un cambiamento di rotta, tutti alla ricerca del partito comunità, tutti a criticare la gestione del partito da parte del segretario nazionale. Tutto per cercare di giustificare in qualche modo gli scarsi risultati ottenuti dal PD locale. E si! é così quando si perde, è colpa di Renzi che sta smantellando o ha smantellato il partito, quando si vince è merito del gruppo dirigente locale diffuso e “riconnesso” con il territorio.

Gli piaceva vincere facile, godere dell’aura del Segretario-Presidente, che faceva si che si vincesse ovunque con il minimo sforzo, consentendo ai gruppi dirigenti locali di intestarsi grandi vittorie senza reali meriti (mi ricordo ancora l’esaltazione di qualcuno all’indomani delle elezioni Europee).

Ora le cose sono cambiate, Renzi non illumina la via, o meglio, non è quel valore aggiunto che consente di fare i grandi risultati invocando il suo nome, stando seduti comodamente a casa. Improvvisamente gli illuminati dirigenti del PD si sono resi conti che il partito non è una comunità, che le sedi sono vuote, che i pochi militanti rimasti sono demotivati e stanchi di quei continui atteggiamenti manifestanti una presunta superiorità. E allora che fanno? prendono carta e penna o computer e tastiera e scrivono; scrivono al Segretario nazionale lamentandosi di una linea politica e di una gestione del partito avallata e benedetta sino a ieri; improvvisamente, sentono la necessità del partito comunità, vicino alla gente e ai sui problemi e chiedono un cambiamento di rotta.

Ma la cosa bella, sapete qual’è? Il cambiamento di rotta lo invocano a Renzi, ma loro continuano ad andare dalla parte opposta. Forse sperano in qualche magia di Renzi che gli consenta di guadagnare voti continuando ad essere quelli che sono stati fin ora e a gestire come hanno gestito fin’ora.

Io l’ho sempre pensato che i buoni risultati ottenuti negli ultimi anni, in gran parte, erano legati all’effetto trascinatore di Renzi ed ho sempre invocato un maggiore impegno da parte dei gruppi dirigenti locali a costruire e ricomporre un partito, che fosse una comunità prima che un insieme di comitati elettorali legati a questo o quel capobastone. Me ne sono sentite dire di tutti i colori.

Il consenso lo si guadagna sul territorio; i dirigenti sono tali se sono in grado di affermare un idea di partito al di là dell’immagine di qualcuno; il partito è vincente se è capace di fare proposte serie e sopratutto se quelle proposte le trasforma in azioni percettibili.

Era bello vincere facile! Era bello far pensare che era arrivato Renzi a risolvere tutti i problemi! Era bello sbandierare un’amicizia più o meno diretta con il Segretario-Premier per accaparrarsi consensi al di là dei propri meriti e delle proprie azioni. Ed è così che tutti divennero renziani; a quelli “puri” della prima ora si aggiunsero quelli della seconda e terza ora e tutti vivevano felici e convinti che questo bastasse per andare avanti con buoni risultati.

Le cose però cambiano! Renzi in questo momento non è il valore aggiunto e allora, piuttosto che rimboccarsi le maniche, per costruire un partito che dai livelli periferici possa essere trainante per la nazione (perché è questo che ci manca), invocano in cambiamento dall’alto.

Renzi fagli un’altro miracolo!

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...