L’ultima settimana del PD salentino – parte seconda

…per i compagni di Aradeo la candidatura di Ernesto Abaturesso è inopportuna! Un sussulto che interrompe la monotonia degli interventi che si erano susseguiti fino ad allora. Poco altro, successivamente, se non la percezione di una sorta di curiosità, mista a preoccupazione, per l’assemblea che gli “Under40″ avrebbero fatto la domenica successiva.

Ebbene, al rilievo fatto dal compagno di Aradeo, il Segretario e tutta la segreteria, nonché gran parte dell’ufficio politico, rispondono in maniera concreta (perché a loro piace fare fatti non chiacchiere), organizzando il giorno dopo presso l’Hotel Tiziano la PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA DI ERNESTO ABATERUSSO. Alla faccia di chi chiedeva nell’organismo moltiforme una maggiore cautela e una riflessione approfondita da parte di tutto il partito.

Al Tiziano schierata in pompa magna a sostegno della candidatura di Abaterusso tutta la Segreteria provinciale e un buon numero di dirigenti di nuovo e vecchio corso. A mia memoria non ricordo un fatto del genere… un fatto grave… un fatto che dice: che ce ne freghiamo del resto del partito, degli altri candidati… noi abbiamo il nostro candidato e andiamo avanti. Un atto di arroganza politica senza precedenti, che conferma come il fatto di voler discutere le liste sul territorio, nei circoli, fosse una presa in giro, un tentativo malcelato di distogliere l’attenzione dalle questioni di democrazia interna, una farsa!

Conclusasi questa presentazione, che ha sancito l’indiscutibilità della candidatura di Abaterusso, comincia il fuoco di protezione alla stessa, da parte dei vari adepti, supporters… sulla rete cominciano a piovere foto dell’iniziativa, selfie vari, compare addirittura la foto del candidato con due cagnolini salvati dall’abbandono (che fa tanto tenerezza)… ma non basta: i vari dirigenti, profondi cultori dell’arte della guerra di Sun Tzu, cominciano ad attaccare l’iniziativa del giorno successivo, indetta dai cosiddetti “Under40″… “vi dovete candidare”, “dal gruppo degli Under40 deve uscire un candidato”, “l’assemblea degli Under40 è funzionale alla candidatura di uno di loro”, “iniziativa pilotata per lanciare l candidatura di qualcuno”, tuonano in rapida successione i vari componenti della segreteria e non, vicini al prode Ernesto.

L’iniziativa, invece, degli Under40, tenutasi domenica pomeriggio al Tiziano, dimostra ben altro: 1) che non si tratta di un gruppo di disperati ragazzetti che giocano a fare i rivoluzionari, 2) che non si vuole lanciare la candidatura di chicchessia, 3) che quello che interessa è un partito che funzioni, democratico, plurale e soprattutto pulito.

Francamente, sono rimasto colpito dal numero di partecipanti a quell’assemblea (secondo le stime dei presenti tra i 250 e i 300, per qualche componente della segreteria non più di 100); non mi aspettavo tanta partecipazione… uomini e donne di varie generazione, under40, over40, under30, over50, tutti animati da uno spirito partecipativo di quelli che non vedevo da tempo… si respirava aria di festa, ma nel contempo il senso di responsabilità di chi sapeva che l’occasione era la migliore per dimostrare che un’altro modo di fare politica esiste, oltre a quello dei personalismi e della lotta di potere tra opposte fazioni.

Si sono susseguiti gli interventi… tanti hanno parlato… qualcuno ha alzato la voce (tra questi il sottoscritto), ma la passione era tale e tanta, che il pur bravo presentatore della serata, a stento ne controllava l’impeto. Sentire parlare tanti ragazzi, di quelli che raramente si sentono nei sonnolenti organismi di partito, mi ha emozionato… interventi di peso… interventi fatti con il cuore, che hanno denotato, la voglia di un partito diverso da quello che siamo costretti a vivere nel Salento.

Le parole d’ordine sono state, LEGALITà, DEMOCRAZIA, PARETCIPAZIONE, RISOLUZIONE DEI PROBLEMI DEL TERRITORIO, in un susseguirsi di interventi, che nella maggior parte dei casi sforavano i convenzionali 4 minuti.

Vedere la sala piena all’ultimo intervento, circa alle ore 21, dopo tre ore di confronto serrato ed appassionato, è stato un cardiotonico per molti dei presenti, che hanno incoraggiato gli organizzatori a proseguire sulla la strada intrapresa…

Per la verità, una nota stonata c’è stata, L’ASSENZA DEL SEGRETARIO PROVINCIALE E DI TUTTO IL GRUPPO DIRIGENTE  del PD provinciale, che sebbene invitati, in blocco hanno deciso di non partecipare… “che tristezza” ho detto tra me e me, “hanno perso l’ennesima occasione per dimostrare che ci tengono al partito”…

… to be continued

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...