Le Province ci sono ancora…la Democrazia no.

era giugno 2009 ed io, nascosto dalla mano gesticolante di Vendola, ero su quel palco con la camicia bianca e con le maniche rimboccate… era il comizio di chiusura della campagna elettorale per le elezioni provinciali a Trepuzzi… quella campagna elettorale la vissi in maniera diretta essendo candidato in una lista a sostegno di Loredana Capone Presidente … tutti sappiamo come sono andate quelle elezioni (il centrosinistra le perse al ballottaggio) … ma in quel comizio ero orgoglioso di essere lì, di aver fatto il mio dovere, di aver dato tutto me stesso, affinché fosse premiata un’idea di Salento, diversa e migliore di quella proposta dal centrodestra… ero contento perché avevo avuto la possibilità di parlare a tanta gente, di spiegare la mia idea di politica, di ascoltare quelle che erano le istanze del territorio… sono passati cinque anni e siamo alle soglie delle elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale (che non è sparito come qualcuno potrebbe pensare a seguito di certi proclami)… nel frattempo l’Ente Provincia con la riforma varata dal Governo Renzi si è trasformato in ente di secondo livello, comportando che Presidente e consiglio provinciale non vengano eletti tra i cittadini e dai cittadini, ma tra i sindaci e i consiglieri comunali e dai sindaci e consiglieri comunali… non vi nascono il mio rammarico per non poter essere parte attiva di questa competizione elettorale, che non si svolgerà tra la gente… non potrò fare campagna elettorale, non potrò parlare con i miei concittadini delle proposte per il territorio messe in campo dal mio schieramento, non potrò ascoltare le loro istanze… tutto si ridurrà alla contrattazione del voto da parte dei candidati con chi già ricopre incarichi istituzionali… e questo per chi vive la politica come me è davvero triste… mi sconforta l’idea che i cittadini salentini tutti vengano esclusi dalla scelta di chi governerà un Ente (la Provincia) che sebbene di secondo livello, conserva e conserverà la gestione di servizi strategici per il nostro territorio… si è cambiato tutto per non cambiare niente…anzi no…qualcosa è cambiato… si è inferto un duro colpo all’idea di democrazia partecipata.

Annunci

Un pensiero su “Le Province ci sono ancora…la Democrazia no.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...