Così era una volta, ma oggi non più

Così era una volta, ma oggi non più.
Mi ricordo che una volta funzionava così: il Presidente del Consiglio verificava in Parlamento, se il governo che presiedeva aveva la maggioranza, se non ce l’aveva si recava dal Presidente della Repubblica e rassegnava le dimissioni; il Presidente della Repubblica avviava le consultazioni con i vari gruppi parlamentari per verificare se vi erano le condizioni per la formazione di un nuovo governo; in caso positivo affidava l’incarico a chi riteneva più rappresentativo di formare un nuovo governo! In caso negativo indiceva nuove elezioni! Oggi funziona che la Direzione del PD deve decidere tutto!

Mi chiedo come può il Presidente della Repubblica dire: “Non diciamo sciocchezze”, rispondendo alla domanda se il confronto tra Renzi e Letta comporti il rischio di elezioni anticipate?
Una volta, prima di escludere o indire le elezioni, per il Presidente c’era tutta una trafila da rispettare. Oggi, invece, si escludono le elezioni a priori e si demanda ad un regolamento dei conti tutto interno al partito di maggioranza relativa, la nascita o meno di un nuovo Governo.
Qualcuno mi ha detto che i Governi non nascono dalle urne ed è vero, ma è altrettanto vero che essi devono essere gli organi esecutivi di una maggioranza parlamentare capace di dare un chiaro indirizzo politico… credete che nello stato attuale questa maggioranza ci sia? Credete che, dopo la sempre più probabile staffetta tra Letta e Renzi, ci sarà? Io, francamente, no!
Mi chiedo, infine, come può il Presidente del Consiglio Letta presentare il patto per il rilancio del suo governo in conferenza stampa, senza averlo concordato con i gruppi che lo sostengono (almeno così pare, a giudicare da certe dichiarazioni rilasciate da un’esponente della maggioranza, durante una trasmissione televisiva)? Una volta il programma di governo lo si concordava con i capigruppo dei partiti di maggioranza e lo si esponeva in Parlamento, chiedendo la fiducia, oggi, invece, lo si redige non si sa con chi e lo si espone ai giornalisti!
Insomma, ormai, la confusione regna sovrana!
C
‘è da fare una sola cosa in questo momento, senza “affidarsi alla Divina Provvidenza”, approvare questa maledetta legge elettorale con questa strampalata maggioranza e andare al voto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...